I risultati definitivi delle primarie del PD

Alla fine hanno votato in 2.805.695 persone: chi è andato meglio e chi è andato peggio regione per regione

Il Partito Democratico ha ultimato lo scrutinio e la verifica dei voti delle primarie di domenica 9 dicembre. Stando ai dati definitivi, le persone che hanno votato sono in tutto 2.805.695 (2.788.831 in Italia, gli altri all’estero). Matteo Renzi è stato votato da 1.895.252 persone, il 67,55 per cento degli elettori; Gianni Cuperlo è stato votato da 510.000 persone, il 18,21 per cento degli elettori; Pippo Civati è stato votato da 399.473 persone, il 14,24 per cento degli elettori.

La regione in cui Matteo Renzi è stato percentualmente più votato è stata la Toscana, dove ha ottenuto il 78,44 per cento; la peggiore è invece è stata la Sardegna, dove ha ottenuto il 55,98 per cento. La regione in cui Gianni Cuperlo è stato percentualmente più votato è stata la Calabria, dove ha ottenuto il 34,19 per cento (ma dove il dato è ancora ufficioso); la peggiore è invece sono state le Marche, dove ha ottenuto il 10,66 per cento. La regione in cui Pippo Civati è stato percentualmente più votato è stata la Valle d’Aosta, dove ha ottenuto il 20,68 per cento; la peggiore è invece è stata la Basilicata, dove ha ottenuto il 7,98 per cento. All’estero Renzi ha ottenuto il 47,06 per cento dei voti; Cuperlo il 30,66 per cento; Civati il 22,28 per cento.

La regione con l’affluenza assoluta più alta è stata l’Emilia Romagna, dove hanno votato 406.899 persone. Quella con l’affluenza assoluta più bassa è stata la Valle d’Aosta, dove hanno votato 3.571 persone. Di seguito i dati forniti dal PD, regione per regione.

risultatipd

foto: Andreoli Emilio – LaPresse