• Mondo
  • venerdì 15 novembre 2013

Un uomo è caduto in mare da un aereo, in volo vicino Miami

Non è ancora chiaro chi fosse e che cosa ci facesse a bordo: la polizia sta cercando il suo corpo da ieri sera

Ieri, giovedì 14 novembre, un uomo è caduto in mare da un aereo in volo, a circa dieci chilometri a est dell’aeroporto di Miami, in Florida (Stati Uniti). Stando a quanto riporta il Miami Herald, alle 13:30 locali (in Italia erano circa le 19.30) il comandante di un Piper PA 46, un piccolo aereo privato monomotore, ha contattato l’aeroporto di Miami dicendo: «Mayday! Mayday! Mayday! Ho una porta semiaperta e mi sto dirigendo verso l’aeroporto Tamiami [uno degli aeroporti di Miami, ndr]. Ho una porta semiaperta e un passeggero è caduto giù». Dalla torre di controllo gli hanno chiesto di precisare se effettivamente fosse caduto un passeggero. Il pilota ha risposto così: «Ha aperto la porta ed è semplicemente caduto».

La polizia di Miami non ha diffuso né l’identità dell’uomo né quella del pilota. Al momento non è chiara nemmeno la destinazione e lo scopo del volo. La polizia è da ieri alla ricerca del corpo dell’uomo: secondo un loro portavoce, infatti, «è abbastanza chiaro che chiunque cada da un aereo senza paracadute sarà di certo morto».

TAG: ,

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.