L’Italia di Terra Project e Wu Ming

Un collettivo di scrittori e uno di fotografi raccontano il paesaggio italiano in un libro e una mostra

“4” è un progetto di ricerca collettiva del gruppo di fotografi Terra Project e dello scrittore Wu Ming 2. Il libro raccoglie le immagini che rappresentano i quattro elementi – aria, acqua, terra, fuoco – e li trasforma in “pretesti” per leggere il paesaggio italiano.

Il progetto è frutto di una pratica collettiva sia nella scelta che nella proposta. Terra Project, gruppo nato nel 2006 e composto dai fotografi Michele Borzoni, Simone Donati, Pietro Paolini, Rocco Rorandelli e coordinato da Anna Iuzzolini, ha proposto fotografie di diversi autori, scattate in diverse situazioni e in vari periodi. L’approccio fotografico del collettivo, come in un diario di viaggio di gruppo, è documentario: raccoglie vedute naturali e paesaggi legati all’uomo, immagini di periferie e città, angoli particolari e personaggi incontrati, lasciando però a chi guarda la possibilità di interpretare e immaginare. I testi non sono semplici didascalie alle fotografie, ma storie che suggeriscono interpretazioni e pensieri sull’immaginario collettivo legato al territorio italiano.

Le fotografie vengono usate per raccontare i 7400 chilometri di costa italiana – del suo turismo, delle sue contraddizioni e del suo sfruttamento – e la natura sismica del nostro paese; ne mostrano il risultato di abbandono e ricostruzione, e la relazione tra la presenza umana e i quattro vulcani Stromboli, Vulcano, Etna e Vesuvio.

Il progetto prende diverse forme: è una mostra che sarà inaugurata il 9 novembre a Firenze ed è un cofanetto composto da quattro libri a cura di Renata Ferri e con il design di Ramon Pez. Il cofanetto sarà prodotto (anche qui grazie a un’azione di autofinanziamento collettiva) grazie al crowdfunding.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.