I nuovi 833 pianeti scoperti da Kepler

Il telescopio spaziale della NASA ha identificato centinaia di nuovi corpi celesti in orbita intorno alle loro stelle: 10 si trovano nella "zona abitabile"

All’inizio della settimana nel corso della seconda Kepler Science Conference a Moffett Field, California, la NASA ha annunciato la scoperta di 833 nuovi pianeti resa possibile dalle osservazioni svolte dal telescopio spaziale Kepler, lanciato nel marzo del 2009 per la ricerca di nuovi corpi celesti in orbita intorno a stelle diverse dal Sole. Dieci di questi oltre ottocento sono grandi meno della metà della Terra e orbitano intorno alla loro stella nella cosiddetta “zona abitabile”, cioè a una distanza tale dalla stella di riferimento da consentire l’esistenza di acqua allo stato liquido e quindi l’esistenza di forme di vita per come le conosciamo. Negli ultimi due anni, le analisi dei dati rilevati da Kepler avevano permesso di identificare cinque pianeti in zone abitabili dello spazio: il primo fu Kepler-22b.

Grazie alla grande quantità di informazioni raccolte negli ultimi mesi dal telescopio spaziale, i ricercatori hanno potuto approfondire le loro conoscenze sulle caratteristiche medie dei sistemi solari diversi dal nostro. Si stima che buona parte delle stelle nella nostra galassia, la Via Lattea, abbiano almeno un pianeta che orbita loro intorno. Questa condizione aumenta di molto la probabilità che là fuori ci sia un pianeta con caratteristiche simili al nostro, in orbita intorno a un suo sole.

pianeti-kepler-2

Grazie a Kepler e in tre anni di lavoro sono stati identificati complessivamente 3.538 nuovi possibili pianeti. L’aumento più significativo ha riguardato la scoperta di corpi celesti con dimensioni comparabili a quelle della Terra. Scoprire i pianeti fuori dal nostro sistema solare non è semplice. Per farlo, le strumentazioni di Kepler misurano le variazioni nell’intensità luminosa delle stelle, oscillazioni che sono dovute al passaggio dei pianeti che orbitano loro intorno. Di solito dopo tre passaggi davanti alla stella che si sta osservando i ricercatori mettono insieme i segnali rilevati e stabiliscono l’esistenza o meno di un pianeta non ancora scoperto. La missione ha l’obiettivo di misurare variazioni di luminosità in un campo di oltre 150 mila stelle.

Una recente analisi, realizzata su base statistica sfruttando le informazioni fornite da Kepler, ha ipotizzato che una stella su cinque simile al nostro Sole ospiti un pianeta fino a due volte più grande della Terra in orbita in una zona abitabile. Il telescopio spaziale ha anche consentito di ottenere nuovi dati molto importanti per lo studio del funzionamento interno delle stelle.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.