Il ritorno a casa di Saroo

Aveva 5 anni quando si addormentò su un treno in India che lo portò a 1500 chilometri di distanza dalla sua famiglia, che ha ritrovato 27 anni dopo grazie a Google Earth

27 anni fa un bambino indiano di cinque anni, Saroo Munshi Khan, si addormentò su un treno fermo in una stazione ferroviaria nel Berhanpur, in India. Saroo si trovava alla stazione assieme al fratello quattordicenne. Quando il treno partì Saroo non se ne accorse: si svegliò molti chilometri dopo, senza sapere dove fosse, e da solo, perché prima che il treno partisse il fratello si era allontanato per fare un giro in stazione. Il treno era diretto a Calcutta, a 1500 chilometri da dove Saroo era partito: da quel momento Saroo iniziò una nuova vita, e solo 27 anni dopo è riuscito a rintracciare la sua famiglia, grazie alle immagini di Google Earth. La storia di Saroo è stata raccontata martedì 15 ottobre sul blog ufficiale di Google.

Dopo essere sceso dal treno a Calcutta, Saroo visse per strada per diverse settimane, prima di essere portato in un orfanotrofio. Quando aveva 6 anni fu adottato da una famiglia australiana, i Brierleys, e si trasferì a Hobart, la capitale dello stato australiano della Tasmania. Nel 2011 grazie alle immagini di Google Earth Saroo riuscì a trovare la sua città di origine: usò la funzione “righello” per fare una stima dei chilometri percorsi con il treno diretto a Calcutta.

Guardando le immagini satellitari di Google, Saroo riconobbe alcuni punti di riferimento che gli ricordarono la sua infanzia, e da lì risalì al suo quartiere, e poi a una strada e a un edificio che gli sembravano familiari. Nel 2012 Saroo tornò a casa sua, a Khandwa, in India. Una volta arrivato raccontò la sua storia alla gente del posto, che lo aiutò a individuare la sua casa di origine e a ricongiungersi con la sua famiglia.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.