• Italia
  • mercoledì 9 ottobre 2013

Letta, Barroso e Alfano a Lampedusa

Hanno visitato l'hangar con le bare dei morti nel naufragio e poi il centro di accoglienza, e c'è stata anche qualche protesta: le foto

Mercoledì mattina sono arrivati a Lampedusa il presidente della Commissione europea, José Manuel Barroso; il presidente del Consiglio italiano, Enrico Letta; il ministro dell’Interno italiano, Angelino Alfano; il commissario degli Affari Interni dell’Unione Europea, Cecilia Malmstrom. I quattro hanno incontrato il sindaco di Lampedusa, Giusi Nicolini e il presidente della regione Sicilia Rosario Crocetta. Ieri proprio Nicolini era stata parecchio polemica rispetto alla visita di Letta, Barroso e Alfano, dicendo: «se devono venire a Lampedusa solo per fare le condoglianze possono mandare una mail».

La prima tappa della visita è stata l’hangar dell’aeroporto dove sono state sistemate le oltre 200 bare dei corpi recuperati fino ad ora dal mare di fronte alle coste dell’isola (con i sette cadaveri recuperati questa mattina il bilancio del naufragio è di 296 morti, ma salirà ancora). Poi Alfano, Letta, Malmstrom e Barroso sono andati al centro di accoglienza dell’isola – quest’ultima tappa non era stata inserita nel programma ufficiale della visita, per ragioni di sicurezza. Al termine della visita Letta e Barroso hanno tenuto una conferenza stampa: Letta ha detto che per i morti di Lampedusa si terranno i funerali di stato, mentre Barroso ha detto che l’Europa metterà a disposizione dell’Italia ulteriori fondi, fino a 30 milioni di euro, per fronteggiare la situazione dei rifugiati.

I quattro sono stati accolti anche da alcune decine di residenti dell’isola che hanno urlato ripetutamente “Vergogna!” e “Assassini!”, riferendosi alle condizioni critiche in cui si trova il centro di accoglienza dell’isola, che ospita anche molti profughi arrivati nei giorni scorsi.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.