• Scienza
  • spazio
  • Questo articolo ha più di nove anni

La Terra vista dall’ESA

Per gli appassionati, intanto che il sito della NASA è chiuso, e per tutti gli altri: le fantastiche foto dell'Agenzia Spaziale Europea, tra deserti e mari ghiacciati

L’Agenzia Spaziale Europea (ESA) è nata nel 1975 per coordinare i progetti spaziali di 20 paesi europei, Italia compresa. Nel corso degli anni ha sviluppato e portato avanti decine di iniziative e sperimentazioni scientifiche, che l’hanno portata a essere la principale “concorrente” della statunitense NASA nell’esplorazione dello Spazio: e in questi giorni, in cui il sito della NASA è chiuso per via dello “shutdown“, sono rimasti soprattutto loro online a diffondere nuove informazioni e fotografie sullo Spazio e sul pianeta che abitiamo visto da lì.

L’ESA è uno dei membri del consorzio che si occupa e gestisce la Stazione Spaziale Internazionale e coordina l’organizzazione e la raccolta dati di diversi satelliti per la ricerca inviati in orbita nel corso degli anni. Alcuni di questi, come Envisat, effettuano ricognizioni e fotografie della Terra per osservare i cambiamenti e l’evoluzione dei suoi ecosistemi. L’ESA rende pubbliche e liberamente utilizzabili le proprie foto, sia per scopi scientifici, sia per meravigliarsi ancora una volta della bellezza del posto che – nostro malgrado – ci ospita da milioni di anni.