• Mondo
  • mercoledì 18 Settembre 2013

La Germania vista dai partiti tedeschi

Il museo delle miniature di Amburgo ha chiesto ai principali partiti del paese di realizzare un modellino del loro mondo ideale, in vista delle elezioni

In vista delle elezioni federali in Germania – che si terranno domenica 22 settembre – Miniatur Wonderland ,il museo delle miniature di Amburgo, ha chiesto ai sei principali partiti della Germania di costruire in miniatura, appunto, il mondo che vorrebbero realizzare se vincessero le elezioni. Il museo ha affidato a ogni partito un metro quadrato di spazio e ha poi esposto i modellini in una mostra chiamata Utopia, che resterà aperta dal 10 al 22 settembre. L’esperimento era stato organizzato per la prima volta quattro anni fa, in occasione delle elezioni del 2009, e i modellini avevano particolarmente stupito gli organizzatori: si aspettavano che fossero tutti più o meno banalmente simili e invece riflettevano idee del mondo molto diverse tra loro.

Al progetto hanno partecipato la CDU, il partito di Angela Merkel, e la sua alleata CSU, il partito bavarese cristiano e conservatore; i liberali del FDP; i socialdemocratici del SPD; i Verdi e Die Linke, la sinistra radicale. La CDU ha scelto, tra le altre cose, una grande bandiera dell’Unione Europea e un poliziotto nero che aiuta vecchi e bambini ad attraversare la strada, come simbolo di integrazione. La CSU ha puntato su famiglie serene e al sicuro e su scene di vita tipicamente bavaresi, con persone vestite in abiti tradizionali, mentre i verdi hanno costruito pale eoliche, fabbriche spaziose e ordinate e un palazzo abbandonato del NPD, il partito razzista e nazionalista tedesco.

Die Linke ha costruito da un lato il mondo distopico che potrebbe realizzarsi senza il suo intervento – governato da uno stato onnipresente, oppressivo, basato su un’enorme disparità tra ricchi e poveri e che spia qualsiasi momento della vita dei suoi cittadini, in un chiaro richiamo al recente scandalo della NSA in Germania – e dall’altro il mondo ideale che vuole costruire, dove la scienza e la tecnologia sono utilizzate per migliorare la vita delle persone, condotta nel rispetto dell’ambiente circostante. Nel mondo ideale dei liberali le telecamere di sorveglianza vengono smantellate e il debito pubblico è stato azzerato, mentre in quello dei socialisti regna l’armonia sociale e le persone salgono insieme una scala intagliata nelle pagine di un libro, a indicare l’importanza dell’istruzione e della cultura nell’elevare la società.