• Italia
  • martedì 17 settembre 2013

La scritta sulla Costa Concordia

Le immagini dell'unico piccolo imprevisto e momento di curiosità della lenta giornata di ieri

Nel pomeriggio di lunedì, mentre proseguivano con lentezza le operazioni di rotazione per riportare in assetto verticale la nave Costa Concordia incastrata al Giglio e in tutto il mondo si osservavano le immagini in diretta che mostravano il progressivo aumentare della parte riemersa della nave – più scura e rovinata, dopo aver passato venti mesi sott’acqua – nella quiete è successo qualcosa. Le agenzie fotografiche, nel loro flusso continuo di immagini sugli sviluppi, hanno diffuso alcune fotografie di maggior dettaglio che mostravano una piccola barca a motore avvicinarsi alla nave dove stava emergendo, e uno dei due occupanti che si dedicava a cercare di rimuovere con una specie di spazzolone un graffito.

Il graffito, si capisce dalle foto, era stato fatto grattando via con qualche strumento le incrostazioni scure che avevano coperto una parte del ponte. Il colore è quello della vernice del ponte. Si tratta di due scritte e un disegno, una faccia stilizzata un po’ da fumetto, che sorride e ha i capelli dritti. Le scritte invece dicono “KIT KAT” e “BIG DAWG”.

Al Giglio non si è accorto quasi nessuno dell’intervento del barchino: salvo chi, al comando delle operazioni, ha ritenuto di mandarlo a cercare di rimuovere immediatamente il graffito. Questo ha fatto sospettare alcuni commentatori su internet – dove invece l’operazione è stata molto vista grazie alle fotografie – che i responsabili delle scritte potessero essere alcuni degli addetti e sommozzatori che avevano lavorato nei mesi passati intorno alla parte affondata della nave. Ma sul senso delle parole si è capito ancora meno: entrambe possono essere – come spesso capita – nomignoli o firme dell’autore, visto che i due usi principali di “Kit Kat” (una barretta al cioccolato e l’ultima versione del sistema operativo Android) non hanno grandi relazioni con quel contesto. “Big Dawg” è invece un’espressione di slang americano (originata da una creativa traslitterazione di “dog”) usata in modi diversi, ma prevalentemente per definire qualcuno piuttosto in gamba. Perché sia stata attivata quella piccola spedizione per cancellare tutto, al momento non si sa.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.