• Sport
  • lunedì 9 settembre 2013

Serena Williams ha vinto gli US Open

Per la quinta volta in carriera, nella finale più lunga della storia del torneo femminile: stanotte tocca a Nadal e Djokovic

La tennista statunitense Serena Williams, 31 anni, ha vinto per la quinta volta gli US Open, uno dei tornei di tennis più importanti al mondo. Williams ha battuto la bielorussa Victoria Azarenka in tre set (7-5, 6-7, 6-1) e 2 ore e 45 minuti, vincendo così gli US Open per la quinta volta in carriera e per la diciassettesima volta un torneo del Grande Slam, i quattro più importanti in assoluto (oltre agli US Open, sono Wimbledon, gli Australian Open e il Roland Garros).

La finale è stata molto dura, intensa ed equilibrata, la più lunga nella storia del torneo singolare femminile – ed è stata condizionata almeno in parte dal forte vento, che in più di un momento ha messo in difficoltà le giocatrici. Azarenka, che ha 24 anni, aveva battuto Williams in due dei loro ultimi tre incontri e ha vinto il secondo set rimontando uno svantaggio di 4-1, per poi crollare nel terzo. Azarenka e Williams si erano incontrate in finale anche agli US Open del 2012, e anche quella volta aveva vinto Williams in tre set.

Con la vittoria di domenica Serena Williams è distante una sola vittoria da Chris Evert e Martina Navratilova, che hanno vinto in carriera 18 tornei dello Slam. Chi ha vinto più Slam in carriera nel tennis femminile è Margaret Court, 24, seguita da Steffi Graf, 22.

Lunedì – nella notte tra lunedì e martedì, in Italia – il tennista spagnolo Rafael Nadal e il serbo Novak Djokovic si giocheranno la finale del torneo maschile. Nadal e Djokovic sono considerati i due tennisti più forti al mondo e ci si aspetta una finale lunga e spettacolare: Nadal è arrivato alla finale battendo con estrema facilità gli avversari uno dopo l’altro, senza sembrare mai in difficoltà; Djokovic ci è arrivato battendo in una semifinale divertente e massacrante il tennista svizzero Stanislav Wawrinka, che aveva sconfitto in precedenza il campione uscente Andy Murray.

Alcuni momenti della partita

La cerimonia di premiazione

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.