US President Barack Obama, First Lady Michelle Obama and former US Presidents Bill Clinton and Jimmy Carter wave during the Let Freedom Ring Commemoration and Call to Action to commemorate the 50th anniversary of the March on Washington for Jobs and Freedom at the Lincoln Memorial in Washington, DC on August 28, 2013. Thousands will gather on the mall on the anniversary of the march and Dr. Martin Luther King, Jr.'s famous "I Have a Dream" speech. AFP PHOTO / Saul LOEB (Photo credit should read SAUL LOEB/AFP/Getty Images)
  • Mondo
  • giovedì 29 agosto 2013

Ieri a Washington DC

Le foto della cerimonia per i 50 anni della marcia su Washington, con Obama, Clinton, Oprah Winfrey e Jamie Foxx

US President Barack Obama, First Lady Michelle Obama and former US Presidents Bill Clinton and Jimmy Carter wave during the Let Freedom Ring Commemoration and Call to Action to commemorate the 50th anniversary of the March on Washington for Jobs and Freedom at the Lincoln Memorial in Washington, DC on August 28, 2013. Thousands will gather on the mall on the anniversary of the march and Dr. Martin Luther King, Jr.'s famous "I Have a Dream" speech. AFP PHOTO / Saul LOEB (Photo credit should read SAUL LOEB/AFP/Getty Images)

Ieri, 28 agosto, ricorrevano i 50 anni da quando Martin Luther King tenne il famoso discorso che cominciava con «I have a dream», al termine di una grandissima marcia di protesta contro le discriminazioni dei neri americani tenuta a Washington, il 28 agosto 1963. A Washington si è svolta quindi una cerimonia di commemorazione che è stata chiamata “Let Freedom Ring”: una frase più volte ripetuta nel discorso di Martin Luther King, “Che la libertà risuoni”, celebrata anche dal suono della campana sul palco. Alla manifestazione, oltre alla famiglia Obama e quella di Martin Luther King, hanno partecipato gli ex presidenti degli Stati Uniti Bill Clinton e Jimmy Carter, e alcuni personaggii dello spettacolo, tra cui Oprah Winfrey e l’attore Jamie Foxx.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.