• Mondo
  • mercoledì 10 Luglio 2013

Le ultime sul treno esploso in Québec

I morti ora sono 15, i dispersi 35: si indaga sul perché non abbiano funzionato i freni del convoglio pieno di petrolio, la cui esplosione ha devastato tutto intorno

Le autorità del Canada hanno avviato un’indagine penale sul deragliamento del treno che trasportava petrolio e che sabato 6 luglio ha causato un enorme incendio a Lac-Mégantic, nel Québec, uccidendo almeno 15 persone. Diversi vagoni cisterna sono esplosi poco dopo essere deragliati, creando un’onda d’urto molto intensa che ha distrutto decine di edifici a centinaia di metri di distanza dalla sede dei binari.

Oltre alle 15 persone morte, si stima che ci siano ancora 35 persone disperse. Ai loro parenti, le autorità hanno chiesto di fornire campioni di DNA prelevabili da oggetti come spazzolini da denti, spazzole o rasoi. Alcuni corpi, hanno spiegato, potrebbero essere stati inceneriti in pochi istanti dopo l’esplosione e potrebbero quindi non essere più identificabili.

Il treno era composto complessivamente da 72 vagoni cisterna contenenti petrolio. Era stato parcheggiato poco prima della mezzanotte nella città di Nantes, che si trova a circa 11 chilometri da Lac-Mégantic. Era trainato da cinque locomotive. Sembra che il macchinista ne avesse fermate quattro, lasciandone accesa una per essere sicuro che i freni del convoglio tenessero. Nelle ore seguenti, i vigili del fuoco di Nantes sono stati chiamati per intervenire sul treno, per un principio di incendio.

Per qualche motivo, non ancora del tutto chiaro e su cui si stanno concentrando le indagini, poco dopo l’incendio i freni del convoglio hanno smesso di funzionare. Il treno ha iniziato a muoversi lungo la lieve discesa su cui si trovava, guadagnando progressivamente velocità nei successivi 18 minuti di corsa. Ingovernabile, è arrivato nei pressi di Lac-Mégantic ed è deragliato, causando la grande esplosione tra le case della città, che conta meno di seimila abitanti. L’onda d’urto e le fiamme hanno distrutto almeno 30 edifici, tra questi anche la biblioteca pubblica cittadina.

Gli investigatori vogliono capire come mai i freni abbiano ceduto e se tutte le procedure di sicurezza siano state seguite, dal macchinista e dalla società che effettua questo tipo di trasporti con vagoni cisterna. Il capo dei vigili del fuoco di Nantes, i primi a intervenire sul convoglio, ha spiegato che – mentre le sue squadre di soccorso erano al lavoro per provare a spegnere il primo incendio – la quinta locomotiva fu spenta come previsto dalle procedure di sicurezza. Secondo la società Montreal, Main & Atlantic Railway, responsabile del trasporto, lo spegnimento della locomotiva ha probabilmente portato al rilascio dei freni del treno.

A Lac-Mégantic la ferrovia costeggia buona parte della città, passando molto vicino a diversi edifici. Da anni gli abitanti della zona sono abituati al passaggio dei treni che trasportano petrolio, diventati di anno in anno sempre più grandi per rispondere alla crescente domanda di combustibile.