• Mondo
  • sabato 22 giugno 2013

Le foto delle alluvioni in Canada

Almeno due persone sono morte nella provincia di Alberta: più di centomila persone sono state evacuate ed è prevista pioggia anche per i prossimi giorni

A causa dell’inondazione del fiume Highwood, almeno due persone sono morte ad High River, vicino alla città di Calgary, nella provincia canadese dell’Alberta. La zona, nel Canada occidentale, è colpita da giovedì da un livello straordinariamente alto di precipitazioni (circa 10 cm nell’arco di 24 ore), che hanno causato finora l’evacuazione di circa centomila persone e grandi danni ai ponti, alle linee elettriche e alle abitazioni.

Una delle città più colpite è Calgary, che ha un milione di abitanti: tutte le scuole sono state chiuse e i servizi di trasporto pubblico sono stati interrotti. L’ordine di abbandonare le abitazioni è stato dato in 25 aree della città, per un totale di 75 mila residenti, anche se non si sa quanti lo abbiano effettivamente eseguito. Il primo ministro canadese Stephen Harper ha visitato venerdì 21 giugno le zone colpite, in cui è intervenuto anche l’esercito.

Oltre al fiume Highwood sono esondati anche i fiumi Elbow e Bow – che passano entrambi per Calgary – mentre altre città colpite sono state Red Deer, Lethbridge, Canmore e Medicine Hat. In alcuni quartieri di Calgary la situazione sta migliorando, ma secondo le previsioni il livello dell’acqua resterà alto per le prossime 12 ore e le inondazioni potrebbero continuare anche nei prossimi giorni a causa delle piogge. Le autorità locali hanno rassicurato i cittadini sulla tenuta dei ponti, anche se ancora non è possibile transitarci per motivi di sicurezza.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.