• Cultura
  • mercoledì 12 giugno 2013

L’epoca d’oro del jazz, fotografata

Le fantastiche immagini di William Gottlieb, che dagli anni Trenta in poi ha raccontato Billie Holiday, Louis Armstrong, Django Reinhardt e molti altri

di Arianna Cavallo – @ariannacavallo

La maggior parte delle fotografie dei più grandi personaggi della storia del jazz – da Billie Holiday a Louis Armstrong a Django Reinhardt – sono state realizzate dal fotografo americano William Gottlieb.

Gottlieb è considerato il principale fotografo della cosiddetta “epoca d’oro” del jazz. Iniziò la sua carriera come critico musicale per il Washington Post e quando i suoi direttori gli dissero di non avere più soldi per pagare i fotografi che lo accompagnassero, decise di imparare a usare la macchina fotografica. Negli anni Trenta e Quaranta ha raccontato la storia e la personalità di musicisti come Frank Sinatra, Ella Fitzgerald e Duke Ellington, mentre si esibivano nei locali di New York e Washington DC, durante le prove e nei momenti di relax in camerino.

Gottlieb è nato a Brooklyn nel 1917 ed è morto nel 2006 a New York. Dal 16 febbraio del 2010, per volere dello stesso Gottlieb, le sue foto sono diventate di pubblico dominio. La Library of Congress ha digitalizzato e pubblicato su Flickr una collezione di oltre 1.600 foto scattate tra il 1938 e il 1948, che sono state raccolte anche nel libro The Golden Age of Jazz. Anche se non sapete che sono state scattate da Gottlieb, avrete sicuramente visto qualcuna delle sue immagini sulle copertine dei dischi, sulle riviste, e su gadget come tazze, magliette e poster.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.