• Mondo
  • mercoledì 5 giugno 2013

Le nuove foto delle alluvioni in Europa

I fiumi Elba e Danubio in alcune zone hanno raggiunto i livelli più alti da secoli; a Praga le cose migliorano ma la metropolitana è ancora chiusa

A Dresda, nella Germania orientale, il fiume Elba sta raggiungendo livelli vicini ai record storici. Circa 600 residenti che abitano nei pressi del fiume sono stati evacuati dalle loro case, in cui l’elettricità è stata staccata come misura precauzionale. Ci sono diverse altre zone colpite dalle alluvioni nel resto della Germania orientale e meridionale, lungo il corso dei fiumi Danubio e Elba, mentre tra i paesi europei più colpiti c’è la Repubblica Ceca – in cui sono state evacuate quasi 20 mila persone – oltre ad Austria, Svizzera, Polonia, Slovacchia e Ungheria.

Il livello massimo dell’Elba a Dresda dovrebbe essere raggiunto giovedì mattina. Secondo le previsioni, nella città non verranno comunque superati i livelli disastrosi del 2002, che causarono danni gravissimi in Germania orientale e nei paesi vicini. In altre località tedesche come Halle, nella Germania orientale, le acque hanno raggiunto un’altezza che non veniva toccata da quattro secoli. Nelle zone della Germania come Passau (nel sud del paese, in Baviera) le acque alluvionali hanno cominciato a ritirarsi e i residenti sono scesi in strada a togliere il fango dalle strade. Die Welt ha un’infografica che mostra il livello delle acque in tutta la Germania.

Nella capitale della Repubblica Ceca, Praga, la metropolitana oggi rimarrà chiusa, anche se il livello dell’acqua ha iniziato ad abbassarsi. Martedì 4 giugno è stato evacuato lo zoo cittadino e il celebre Ponte Carlo è stato chiuso. Nella città industriale di Usti nad Labem, sull’Elba, le acque del fiume hanno superato nella notte le barriere metalliche alte 10 metri che proteggevano la città.

Finora 12 persone sono morte e altre due sono disperse a causa delle alluvioni tra Germania, Austria e Repubblica Ceca, in cui c’è stato il maggior numero di morti (sette). I media tedeschi riportano che in alcune città non si vedevano alluvioni così gravi da secoli. L’innalzamento del livello dei fiumi che ha causato le inondazioni è l’effetto della primavera particolarmente piovosa, che ha saturato il terreno e lo ha reso incapace di assorbire altra acqua.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.