Il nuovo Google+, e non solo

Google ha presentato un sacco di cose: dalla sua alternativa a Spotify alle nuove Mappe, e un progetto avveniristico per parlare col motore di ricerca

Mercoledì 15 maggio a San Francisco, in California, Google ha presentato un sacco di nuove cose, piccole e grandi, nel corso dell’evento che ha aperto l’edizione di quest’anno di Google I/O, la serie di conferenze organizzata dalla società per incontrare gli sviluppatori e mostrare loro le ultime novità che riguardano i suoi servizi e i suoi dispositivi. Google sfrutta l’occasione per rivolgersi anche ai propri utenti e per aggiornarli sulle innovazioni che ha pensato per loro. A differenza del 2012 quest’anno non sono stati presentati nuovi dispositivi, ma una serie di importanti aggiornamenti ad alcuni servizi storici e molto popolari come Google Maps, altri più recenti come Google Music e il social network Google+.

Abbiamo scelto e vi raccontiamo per immagini le principali novità, alcune anche piuttosto avveniristiche, presentate alla Google I/O 2013.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.