• Tecnologia
  • Questo articolo ha più di nove anni

Come se la cava Apple

Per la prima volta in 10 anni l'utile netto della società è in calo, ma le vendite di iPhone e iPad continuano ad aumentare

Nel tardo pomeriggio di martedì 23 aprile (in Italia era notte), Apple ha diffuso i dati sul proprio secondo trimestre fiscale, annunciando ricavi per 43,6 miliardi di dollari, superiori alle migliori previsioni degli analisti. La società ha però registrato per la prima volta in dieci anni una sensibile riduzione dell’utile netto (meno 18 per cento), che si è fermato a 9,5 miliardi di dollari. Nello stesso periodo dello scorso anno, l’utile netto era stato pari a 11,6 miliardi di dollari. Il dato per il momento non preoccupa più di tanto gli analisti e gli investitori, soprattutto perché le vendite dei dispositivi Apple continuano a essere alte.

La società ha annunciato di avere venduto nell’ultimo trimestre 37,4 milioni di nuovi iPhone, 2,3 milioni in più rispetto allo stesso periodo del 2012. Lo smartphone continua quindi a vendere bene, anche se ci si aspettava una crescita maggiore nelle vendite, considerato che il modello più recente di iPhone è stato presentato solo in autunno. Sempre nel suo secondo trimestre Apple ha venduto 11,8 milioni di iPad, un aumento del 151 per cento rispetto allo stesso periodo del 2012. In questo caso le maggiori vendite sono probabilmente dovute al nuovo iPad Mini, presentato sempre in autunno, che ha dato più possibilità di scelta con un dispositivo meno costoso rispetto all’iPad tradizionale.

Apple ha poi venduto 7,7 milioni di iPod, il 15 per cento in meno rispetto al secondo trimestre del 2012, calo dovuto al successo degli iPhone e degli iPad che tra le altre cose funzionano anche come un iPod. Per quanto riguarda i computer tradizionali, la società ha venduto 4 milioni di Mac, con un aumento delle vendite pari al 7 per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

La società ha in cassa 145 miliardi di dollari, confermando di avere a disposizione una enorme quantità di denaro, cosa che già in passato aveva spinto diversi investitori a chiedere una politica più generosa per quanto riguarda i dividendi per chi possiede azioni Apple. Tim Cook, l’amministratore delegato, ha annunciato che i dividendi saranno aumentati e ha detto che entro il 2015 Apple procederà ad acquistare alcuni propri pacchetti azionari ora in mano ad altri investitori.

Cook ha infine annunciato che Apple sta lavorando per realizzare una serie di nuovi dispositivi e software, che saranno presentati in autunno e nel corso del 2014. Questo potrebbe significare che la società non annuncerà novità nel corso della primavera come avvenuto negli ultimi anni. All’inizio dell’estate potrebbe essere presentata qualche novità legata al software, ma i prodotti nuovi non arriveranno probabilmente prima dell’autunno, in tempo per la stagione degli acquisti natalizi, tra le più redditizie dell’anno.