• Mondo
  • sabato 30 marzo 2013

La Corea del Nord è davvero una minaccia?

Le ultime minacce rivolte agli Stati Uniti dalla Corea del Nord sono sulle prime pagine di tutti i giornali: perché non c'è davvero molto di cui preoccuparsi

La Corea del Nord è entrata in uno «stato di guerra» con la Corea del Sud, ha dichiarato oggi l’agenzia di stampa nazionale nordcoreana KCNA. Un annuncio prevedibile dopo che, alcune settimane fa, il governo nordcoreano aveva dichiarato nullo l’armistizio che aveva messo fine alla Guerra di Corea nel 1953. Durante questa nuova crisi, qualche giorno fa, il dittatore della Corea del Nord Kim Jong-un ha ordinato di mettere in allerta le basi missilistiche del paese, che sarebbero pronte a colpire anche gli Stati Uniti.

Ci sono almeno due motivi alla base di questo peggioramento della situazione, che dura da diverse settimane e che comprende attacchi informatici alla Corea del Sud e alcuni video di propaganda dove si vede la Casa Bianca in fiamme. Il primo sono le nuove sanzioni internazionali contro la Corea del Nord, decise dopo gli ultimi esperimenti nucleari non autorizzati. Il secondo sono le annuali esercitazioni congiunte tra l’esercito degli Stati Uniti e quello della Corea del Sud, che sono state l’evento scatenante delle dichiarazioni delle ultime settimane. Ma quando è davvero probabile una guerra e quanto c’è davvero da preoccuparsi?

Che cos’è la Corea del Nord
La Corea del Nord è un paese con una superficie di poco più di un terzo di quella dell’Italia, una popolazione di 24 milioni di abitanti e un PIL stimato intorno ai 25 miliardi di euro (meno del doppio di quello di Cipro). Negli ultimi decenni, la Corea del Nord è entrata in uno stato di isolamento quasi completo dal resto del mondo. Soprattutto in anni recenti, dopo il crollo dell’Unione Sovietica con cui la Corea del Nord aveva stretti rapporti economici e commerciali, la popolazione del paese vive sull’orlo della carestia.

Da sessant’anni la Corea del Nord è governata dalla dinastia dei Kim, il cui ultimo esponente, Kim Jong-un, è succeduto al padre nel 2011. Il regime nordcoreano, uno strano misto di nazionalismo magico e stalinismo, è estremamente repressivo: si stima che circa l’1% della popolazione sia attualmente detenuto in campi di lavoro e rieducazione (di questi campi ci sono diverse foto satellitari).

Quello che rende questo piccolo e poverissimo stato degno dei titoli dei principali quotidiani internazionali è che possiede armi nucleari. La capacità della Corea del Nord di costruire armi nucleari è stata a lungo soltanto sospettata, fino a quando nel 2006 venne condotto il primo test nucleare sotterraneo, rilevato dai sismografi giapponesi e americani. Nel 2009 ci fu un secondo test, seguito da un terzo a metà febbraio di quest’anno. Si tratta in tutti i casi di bombe molto piccole, con una potenza inferiore a quella delle due bombe sganciate nel 1945 su Hiroshima e Nagasaki.

Come hanno reagito Stati Uniti e Corea del Sud
CNN e altri media hanno citato diversi funzionari di Washington che hanno in sostanza dichiarato che nella retorica bellicosa nordcoreana non c’è niente di nuovo. In Corea del Sud – che è di sicuro molto più a rischio degli Stati Uniti – sembra che al momento ci sia più o meno lo stesso atteggiamento di scarso allarme.

Le relazioni tra le due Coree, infatti, sono state di recente a livelli anche peggiori di quelli raggiunti in questi giorni. Nel novembre 2010, ad esempio, l’esercito nordcoreano sparò 170 cannonate contro l’isola di Yeonpyeong, uccidendo 4 cittadini sudcoreani e ferendone 19. Non si trattò di un episodio isolato, anzi: negli ultimi anni ci sono stati diversi scontri tra le marine e gli eserciti delle due Coree.

Ma c’è anche un altro motivo per questa “tranquillità” degli Stati Uniti e della Corea del Sud. Secondo molti analisti e commentatori, la retorica bellicosa dei leader nordcoreani sarebbe rivolta in primo luogo agli stessi nordcoreani. Kim Jong-un è un leader giovane – pare che abbia 29 anni – in un paese dove si dà una grande importanza al rispetto per i più anziani. Inoltre è arrivato al potere da poco. In molti ritengono che i militari potrebbero, in ogni momento, rovesciare la sua leadership e quindi Kim sarebbe, di fatto, costretto a questa retorica per tenersi vicino l’esercito.

E se la guerra scoppiasse comunque?
Queste analisi, comunque, non tolgono che la retorica questa volta è particolarmente dura e che comunque il comportamento delle dittature è sempre imprevedibile. Cosa accadrebbe e quanto ci sarebbe da preoccuparsi se la Corea del Nord dichiarasse comunque guerra alla Corea del Sud?

Possedere una bomba atomica, di per sé, significa poco. Il raggio distruttivo di una bomba nucleare – anche di una piccola – è così grande che per trasformarla in un’arma efficace bisogna essere in grado di trasportarla sul territorio nemico, possibilmente il più lontano possibile dal proprio. Le bombe atomiche, inoltre, sono oggetti delicati e voluminosi, il che rende molto difficile, se non impossibile, spararle con armi semplici come cannoni (poi ci sono le testate nucleari tattiche, ma questa è un’altra storia).

Restano due alternative: trasportarle a bordo di aerei o lanciarle tramite missili intercontinentali (ICBM). La prima scelta fu quella fatta dagli Stati Uniti nel corso della Guerra Fredda, mentre la seconda scelta fu fatta dai sovietici: ricorderete gli aerei B52 protagonisti del film Il dottor Stranamore che avevano il compito di bombardare le basi missilistiche nell’URSS. Oggi quasi tutte le armi nucleari che non sono in deposito sono montate sui grandi missili intercontinentali.

1 2 Pagina successiva »

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.