• Mondo
  • giovedì 14 marzo 2013

L’India ha vietato all’ambasciatore italiano di lasciare il paese

Aveva assicurato alla Corte Suprema che i due marinai accusati di omicidio sarebbero tornati, ora dovrà testimoniare entro il 18 marzo

La Corte Suprema dell’India ha vietato all’ambasciatore italiano, Daniele Mancini, di lasciare il paese. La Corte gli ha chiesto di testimoniare entro il 18 marzo relativamente alla decisione del governo italiano di non rimandare in India i due marinai, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, accusati dell’omicidio di due pescatori dallo stato del Kerala. La Corte aveva concesso ai due marinai una licenza per permettere loro di tornare in Italia per votare, dietro la garanzia del governo italiano che aveva promesso di farli tornare in India. L’ambasciatore Mancini aveva personalmente assicurato alla Corte che i due sarebbero tornati in India entro il 22 marzo.

Mercoledì 13 marzo il primo ministro indiano, Manmohan Singh, aveva tenuto un pesantissimo discorso al Parlamento, dicendo che la decisione italiana era «inaccettabile» e avrebbe «comportato delle conseguenze». Il procuratore generale indiano ha detto che la decisione italiana «è un gravissimo sgarbo nei confronti della più alta corte del paese, e il governo è per questo estremamente preoccupato». La stampa indiana da giorni critica la decisione del governo italiano e chiede a quello indiano di farsi rispettare nella comunità internazionale.

foto: PRAKASH SINGH/AFP/Getty Images

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.