• Mondo
  • giovedì 28 Febbraio 2013

Il video del tassista trascinato dalla polizia sudafricana

Una storiaccia: lui poi è stato trovato morto, sono state aperte delle inchieste sugli agenti

Un’agenzia governativa del Sudafrica che ha il compito di vigilare sul comportamento della polizia, l’Independent Police Investigative Directorate (IPID), ha aperto un’indagine per la morte di Mido Macia, un tassista del Mozambico che, come si vede in un video amatoriale pubblicato dal quotidiano sudafricano The Daily Sun, è stato legato a un furgone della polizia da alcuni agenti e trascinato lungo una strada di Daveyton, vicino Johannesburg, la capitale del Sudafrica. Il portavoce della polizia ha detto di essere «scioccato» dal video.

Mido Macia, 27 anni, è stato trovato morto in una cella della stazione della polizia locale alle 9:15 di martedì 26 febbraio, circa due ore dopo essersi scontrato con la polizia per aver parcheggiato male il suo taxi: il tassista, ha confermato l’IPID, è morto a causa di lesioni alla testa che gli hanno provocato un’emorragia interna. Nel video si vedono alcuni agenti in uniforme che strattonano il tassista prima di legargli le mani dietro la testa, sul gancio del furgone che fa da perno ai due sportelli posteriori. Una volta messo in moto il furgone si vede l’uomo che cerca di tenere il passo camminando all’indietro: dopo pochi metri due agenti gli alzano le gambe per poi lasciarle cadere, mentre il furgone aumenta la sua velocità.

Secondo il rapporto dell’IPID la lite sarebbe nata dopo che gli agenti avrebbero chiesto a Mido Macia di spostare il suo taxi, che ostacolava il traffico, senza però ottenere nulla: Macia avrebbe invece aggredito un poliziotto prendendogli la pistola e minacciandolo. Tutto questo però non è stato ripreso: nessuno dei presenti è intervenuto per aiutare il tassista, mentre si sente qualcuno che lo insulta.

L’IPID ha detto che da aprile 2011 a marzo 2012 sono state aperte 720 inchieste a carico della polizia sudafricana, la maggior parte delle quali proprio per delle morti sospette all’interno delle stazioni di polizia. Il dipartimento di polizia non ha confermato se gli agenti coinvolti sono stati sospesi: la sospensione degli agenti non rientra nei poteri dell’IPID, che si occupa soltanto delle indagini. Anche il presidente del Sudafrica, Jacob Zuma, ha fatto aprire un’indagine a una commissione governativa.

Foto: AP Photo/The Daily Sun