Chi sono i parlamentari del M5S

O almeno 50 di loro, nei video in cui si mostrano e presentano: in tutto saranno 109 deputati e 54 senatori

Dopo le elezioni del 24 e 25 febbraio, il Movimento 5 Stelle è il primo partito italiano con il 25,55 per cento dei voti (ha preso circa 45 mila voti in più del PD, alla Camera): nel prossimo Parlamento, che si insedierà il 15 marzo, avrà 109 deputati e 54 senatori. Nessuno dei 163 eletti ha esperienze di politica nazionale, perché nel 2008, quando si tennero le scorse elezioni politiche, il M5S non esisteva (venne fondato nell’ottobre 2009) e uno dei prerequisiti per partecipare alle cosiddette “parlamentarie” del movimento, a dicembre 2012, era quello di non essere mai stato in Parlamento. Le liste dei candidati, infatti, sono state formate attraverso un voto online degli iscritti al M5S, operazione a cui hanno partecipato alcune decine di migliaia di persone.

(Chi ha vinto le “parlamentarie” del M5S)

Il prossimo Parlamento, insomma, avrà molte persone che non hanno mai avuto visibilità nazionale, anche se hanno già presentato una lista comunale o regionale in passato, un’altra delle condizioni per essere eleggibili: per cominciare a conoscerli – alcuni di questi diventeranno volti familiari, nelle prossime settimane: una manciata di loro li abbiamo già visti diverse volte in questi giorni – abbiamo selezionato alcuni video da YouTube. Alcuni sono quelli di candidatura per le “parlamentarie”, altri sono interviste, interventi pubblici e in trasmissioni televisive o altri video caricati dagli stessi attivisti del movimento.

CAMERA

GIANLUCA VACCA (insegnante)

MIRELLA LIUZZI (impiegata)

DALILA NESCI (laureanda in Giurisprudenza e giornalista pubblicista)

ROBERTO FICO (libero professionista)

LUIGI DI MAIO (webmaster)

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pagina successiva »

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.