• Mondo
  • sabato 16 febbraio 2013

Perché i russi filmano la strada?

Ce ne siamo accorti con l'arrivo del meteorite e potevamo avere qualche sospetto già qualche settimana fa: c'entrano le assicurazioni e parecchi incidenti stradali

Molti dei filmati dove ieri si mostrava l’arrivo della pioggia meteorica in una zona degli Urali, in Russia, erano ripresi da telecamere montate sul cruscotto delle automobili di passaggio. Un’abitudine di cui ci eravamo accorti già qualche settimana fa: il video più spettacolare dell’incidente del 29 dicembre all’aeroporto Vnukovo di Mosca, quando un aereo si schiantò contro un’autostrada, arrivava proprio da una telecamera fissata sul cruscotto di un’automobile di passaggio.

Dopo questi eventi, l’abitudine russa di filmare la strada ha attirato l’attenzione dei mezzi di comunicazione occidentali. Secondo alcune stime, in Russia ci sono circa un milione di telecamere fissate sul cruscotto di altrettante automobili. Per quanto in Occidente questo fenomeno sia stato scoperto per via dei video di meteoriti ed incidenti aerei, fare filmati spettacolari non è il primo scopo di queste videocamere. Si tratta in realtà della più importante difesa degli automobilisti russi sulle pericolose strade del paese.

Come ha scritto una giornalista russa, un anno fa, le strade del paese sono piene di buche, ghiaccio, guidatori ubriachi e “psicopatici” (come dimostrano parecchi video che girano su internet). Una videocamera sul cruscotto è un buon modo di difendersi da ognuna di queste minacce.

Un video, ad esempio, è un buon modo per portare in tribunale qualcuno che, dopo un sorpasso che non gli è piaciuto, decide di buttarvi fuori strada. Ed è altrettanto efficace anche per provare che la colpa del tamponamento che avete causato non è vostra, ma di una lastra di ghiaccio o di una gigantesca buca mai riparata.

Un numero crescente di tribunali, racconta un articolo di BBC, non considera prove valide le testimonianze verbali sugli incidenti stradali e pretende anche filmati che ne provino la dinamica. Questo ci porta direttamente a un altro dei motivi per cui è meglio avere una videocamera sul cruscotto: le frodi assicurative. Alcune bande criminali possono fare fino a mille dollari al giorno causando piccoli incidenti – facendosi tamponare di proposito, ad esempio – e poi convincendo i guidatori ad accordarsi rapidamente per far risolvere la questione alle loro rispettive assicurazioni.

Sempre le telecamere possono essere anche l’unica difesa contro la polizia stradale, che in Russia è famosa per la sua brutalità, per la sua corruzione e per la sua abitudine a praticare estorsioni nei confronti dei guidatori. Una ripresa dettagliata può aiutare un guidatore a dimostrare che l’accusa di guida pericolosa, che un poliziotto gli ha mosso solo per estorcergli qualche rublo, è falsa. Ma quest’abitudine è in realtà utile alle assicurazioni di tutto il mondo e diverse telecamere da cruscotto stanno già cominciando a comparire anche nel Regno Unito, aggiunge BBC.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.