• Mondo
  • venerdì 30 novembre 2012

Le foto della festa in Palestina

Da Gaza a Ramallah, da Betlemme a Nablus, che cosa è successo per le strade dopo il voto di ieri delle Nazioni Unite

L’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha votato ieri a maggioranza per accordare alla Palestina lo status di “stato osservatore non membro”: i voti favorevoli da parte delle nazioni sono stati 139, quelli contrari 9 e 41 paesi si sono astenuti. L’Italia ha votato a favore della risoluzione, mentre gli Stati Uniti e Israele hanno votato contro insieme a Canada, Repubblica Ceca, Isole Marshall, gli Stati federati di Micronesia, Nauru, Panama, Palau. Per quanto l’effetto del voto sia largamente simbolico, la Palestina spera di poter così entrare a far parte della Corte Penale Internazionale e cambiare la sua posizione di forza nelle contrattazioni con Israele. Subito dopo il voto le strade delle principali città della Cisgiordania e di Gaza si sono riempite di bandiere e di persone in festa, a piedi o in macchina.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.