Le persone invisibili di Brasilia

Il fotografo e scrittore Thomas Pololi racconta la relazione tra gli abitanti della capitale brasiliana e l'urbanistica della città

© Thomas Pololi, Brasilia

Thomas Pololi è un fotografo e scrittore italiano.
Lost in Brasilia, che il fotografo traduce in italiano con Gli sperduti abitanti di Brasilia, è il suo ultimo lavoro fotografico e racconta la capitale del Brasile attraverso immagini che mettono in relazione l’urbanistica della città e i suoi abitanti.

Costruita a 1.172 metri sul livello del mare tra il 1956 ed il 1960, diventata poi capitale (in precedenza la capitale del Brasile era Rio de Janeiro), Brasilia è una città relativamente nuova e particolare. Il progetto urbanistico – di Lúcio Costa – è molto rigoroso, si basa sulle teorie di Le Corbusier e rappresenta uno dei progetti urbanistici più controversi al mondo. La città, vista dall’alto, assomiglia ad un aereo. Ogni area è deputata ad una funzione particolare. Gli assi viari hanno un’importanza fondamentale, perché progettati durante il boom dei veicoli a motore.

Le fotografie di Pololi, paesaggi e vedute urbane, provano a raccontare questa relazione: che sembra esprimere, in tutti i casi, una grande distanza tra gli abitanti e la struttura così imponente e modernista della città. Le immagini di questo reportage comunicano una sorta di pace distante, rara per una città sudamericana. Le persone così piccole, quasi invisibili, mettono in equilibrio il paesaggio artificiale della città.

Thomas Pololi è un fotoreporter e scrittore bergamasco. In passato ha prodotto uno spettacolo teatrale di fisica per bambini, ideato il telegiornale dei sogni, primo notiziario di “informazione onirica”, e organizzato letture pubbliche di temi delle elementari.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.