• Italia
  • giovedì 20 settembre 2012

La storia del rapimento di Abu Omar

Ieri la Cassazione ha stabilito che il processo contro gli ex capi dei servizi segreti italiani dovrà essere ripetuto: riassunto di una vicenda intricata

Ieri la Corte di Cassazione ha deciso che Niccolò Pollari, ex capo del servizio segreto militare italiano, deve essere nuovamente processato in appello insieme al suo vice, Marco Mancini. In precedenza, Pollari e Mancini erano stati dichiarati non processabili perché parte della documentazione necessaria a chiarire il loro comportamento era coperta dal segreto di Stato. La storia di cui parliamo è quella del rapimento di Abu Omar, un cittadino egiziano. La Cassazione ha accolto il ricorso della procura di Milano e della famiglia di Abu Omar, e ha confermato tutte le condanne a più di venti agenti della CIA coinvolti nel caso.

Il 17 febbraio 2003 Hassan Mustafa Osama Nasr, meglio conosciuto come Abu Omar, stava andando nella moschea di Milano di cui era imam (leader spirituale) per la preghiera di mezzogiorno. Abu Omar era (ed è tuttora) un cittadino egiziano, ma aveva residenza in Italia, dove si trovava con lo status di rifugiato. Quella mattina, mentre camminava per la strada, venne avvicinato da un uomo, sceso da un’auto FIAT rossa, che parlava italiano e si qualificò come poliziotto, mostrando un tesserino. Gli chiese di mostrare i documenti e poi di sdraiarsi a terra. Poi, improvvisamente, Abu Omar venne bloccato, bendato, sollevato di peso da due uomini che arrivarono alle sue spalle e trascinato in un furgone che aspettava lì vicino. Nessuno doveva assistere alla scena, probabilmente, ma una donna che frequentava la moschea e che abitava nella via del rapimento, al terzo piano, vide tutto dal balcone.

Così inizia la storia del rapimento di Abu Omar, oggi 46enne, che è rimasto in carcere per diversi anni senza processo in Egitto e ha denunciato di essere stato torturato. Il suo caso è stato al centro del primo processo civile che ha indagato le responsabilità delle detenzioni illegali statunitensi, e non è ancora stato chiarito fino in fondo il ruolo e l’effettiva collaborazione dei servizi segreti italiani con quelli degli Stati Uniti nella vicenda.

Quel giorno di febbraio, Abu Omar venne portato con il furgone alla base militare NATO di Aviano, in provincia di Pordenone, da agenti della CIA statunitensi. Da lì venne portato in aereo prima a Ramstein, in Germania, e poi al Cairo, in Egitto. La rivoluzione di piazza Tahrir era ancora ben lontana e in Egitto era saldo al governo Hosni Mubarak, presidente da oltre vent’anni. L’Egitto era uno degli alleati più stretti degli Stati Uniti in Medio Oriente: gli Stati Uniti collaboravano in particolare con i servizi segreti del paese, che erano molto attivi nella lotta all’estremismo islamico e al fondamentalismo violento. Il regime di Mubarak, inoltre, non andava per il sottile in tema di diritti umani e rispetto dello stato di diritto.

Il caso di Abu Omar non è certamente isolato: un rapporto di Human Rights Watch del 2005 ha detto che la pratica delle extraordinary rendition (rapimenti e detenzioni illegali, portate avanti dagli Stati Uniti con la collaborazione di altri paesi) risale almeno alla metà degli anni Novanta, e un docente universitario di politica internazionale ha definito l’Egitto «il nostro gendarme nella guerra al terrorismo globale», a cui affidare «il lavoro sporco» visto che «i loro standard nella gestione dei prigionieri e degli interrogatori sono considerevolmente minori rispetto ai nostri». L’amministrazione Obama dichiarò nel 2009 che la pratica di consegnare “sospetti” a paesi terzi sarebbe continuata, ma da allora in poi si sarebbero cercate garanzie contro l’uso della tortura sui prigionieri.

Da parte sua, l’imam aveva avuto una vita avventurosa e con qualche punto oscuro: mentre era titolare di un negozio in Albania, raccontò lui stesso ad Al Jazeera nel 2007, era stato avvicinato più volte sia dalla CIA che dai servizi segreti egiziani con la proposta di lavorare per loro, ma non aveva accettato. Secondo quanto racconta lui stesso, in Albania, nel 1995, la CIA provò a rapirlo. Poi era andato in Germania per richiedere asilo politico, senza ottenerlo, e infine era andato a Milano dove aveva ottenuto finalmente lo status di rifugiato (dichiarò di essere «cittadino italiano con passaporto italiano») nel giugno del 2001. In Italia, Abu Omar è stato indagato per coinvolgimento nel terrorismo internazionale e nei suoi confronti è stato emesso un mandato di arresto, dopo il suo rapimento: ma al momento del suo rapimento, non era mai stato arrestato né interrogato dalle autorità italiane.

In un lungo articolo pubblicato da una rivista egiziana nel 2007 ci sono alcune informazioni attribuite alla documentazione dei servizi segreti egiziani e italiani, che aiutano a ricostruire la sua storia, spesso collegata a gruppi islamici fondamentalisti. Nel 1989 venne detenuto per sei mesi in Egitto, per aver fatto sermoni contro il governo in una moschea di Alessandria. È figlio di attivisti del Wafd, un partito nazionalista di opposizione dal lungo passato. Dopo la sua detenzione del 1989 (la seconda per questi motivi) lasciò il paese e, secondo quella documentazione citata da al Ahram e non smentita da Abu Omar, iniziò un lungo viaggio che prima di concludersi in Italia (dove arrivò come immigrato clandestino nel 1997) lo portò in Giordania, Yemen, Pakistan e Albania, In Albania rimase dal 1991 al 1996, si sposò e ebbe due figli. Di questi viaggi, Abu Omar non parla molto, scrisse il giornalista di al Ahram, e dice che lavorò in organizzazioni umanitarie islamiche e lasciò Peshawar, in Pakistan, in disaccordo con alcuni che volevano darsi ad operazioni armate.

In Italia, Abu Omar divenne l’imam – il leader spirituale, che guida la preghiera del venerdì e tiene il sermone – della principale moschea milanese. Nelle sue prediche, come riconosce lui stesso, denunciava spesso i “crimini” e i “massacri” degli Stati Uniti, aiutando la sua opera di indottrinamento anche con una pubblicazione in proprio settimanale (usciva il giovedì) intitolata La verità islamica. Abu Omar dice che furono queste critiche agli Stati Uniti, insieme all’organizzazione di marce e dimostrazioni antiamericane, a causare il suo rapimento, e che ha rifiutato un pagamento di 2 milioni di dollari da parte degli americani per mettere a tacere tutta la questione.

In un documento ritrovato nel luglio 2006 in un appartamento usato dal SISMI a Roma, racconta ancora al Ahram, vennero trovati documenti che riguardavano il caso di Abu Omar, tra cui alcuni dettagli di indagini sulla presenza di al Qaida in Italia. In questi documenti, che risalgono ai servizi segreti italiani e che sono emersi quando il caso era ormai già di dominio pubblico, Abu Omar è collegato con alcune tra le maggiori organizzazioni terroristiche del mondo arabo, da un gruppo jihadista egiziano a al-Ansar in Iraq. In quelle carte Abu Omar è accusato anche di aver fornito denaro e documenti falsi a membri di gruppi terroristici.

1 2 Pagina successiva »

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.