Arriva l’iPhone 5

Lo presenterà Apple nel corso di un evento a San Francisco e circolano molte informazioni su come sarà fatto, ma vatti a fidare

Domani Apple presenterà – allo Yerba Buena Center di San Francisco – la nuova versione del suo smartphone, iPhone 5. Apple ha inviato la scorsa settimana una serie di inviti, un poco più espliciti del solito, in cui il numero 12 (del giorno di settembre in cui si tiene l’evento) proietta un’ombra a forma di 5. L’illustrazione è accompagnata dalla scritta “È praticamente qui” (“It’s almost here”): in riferimento al telefono di cui si parla, come le cinque volte precedenti, da mesi e mesi.

Apple presentò il suo ultimo iPhone, il 4S, il 4 ottobre del 2011 pochi giorni prima della morte del cofondatore ed ex amministratore delegato della società, Steve Jobs. Circolavano da giorni notizie sulla salute sempre più precaria di Jobs e di conseguenza anche la presentazione del nuovo prodotto fu più sobria del solito. Il nuovo telefono era esternamente simile al suo predecessore, mentre all’interno aveva un processore più potente, una fotocamera con più definizione e la novità di Siri, l’assistente automatico per impartire a voce i comandi allo smartphone, dall’invio degli SMS alla programmazione degli appuntamenti.

Come al solito Apple non ha diffuso dettagli su che cosa sarà presentato domani, ma secondo le immancabili voci che circolano da settimane online il nuovo iPhone dovrebbe presentare alcune novità che lo differenzieranno di più dagli ultimi due modelli. Abbiamo messo insieme le cose che si dicono sui siti di tecnologia: informazioni da prendere con le molle, che in passato gli abbagli non sono mancati.

Schermo
Probabilmente la differenza più evidente sarà la presenza di uno schermo più grande dell’attuale. Dovrebbe essere più o meno largo come l’attuale ma più alto, con una diagonale di 4 pollici rispetto ai 3,5 di adesso. Si parla da un anno di uno schermo più grande e sono circolate foto di custodie e di prototipi che sembrano confermare questa ipotesi. Altri produttori come Samsung realizzano diversi smartphone molto popolari con gli schermi più grandi e la richiesta per dispositivi di questo tipo è in crescita. Uno schermo più alto potrebbe essere un buon compromesso per Apple, fino a ora cauta sulla possibilità di ingrandire troppo l’iPhone per motivi di ingombro e praticità di utilizzo.

Design
Ricorderà molto l’attuale, ma potrebbero cambiare i materiali. Tra le ipotesi più accreditate c’è quella secondo cui la copertura di vetro sul retro del telefono sia sostituita con una di metallo. Questo consentirebbe, tra le altre cose, di avere un telefono più leggero, meno sensibile agli urti e con un migliore sistema per dissipare il calore, come avviene per l’iPad. Gli angoli saranno smussati, mentre dovrebbero esserci ancora gli spigoli laterali vivi, ritenuti da diversi utenti un po’ scomodi e meno pratici per avere una buona impugnatura del telefono.

Antenne
Il nuovo design dovrebbe anche favorire una migliore sistemazione delle antenne per la rete cellulare, il WiFi e per il GPS. I modelli precedenti di iPhone avevano qualche problema a volte nel ricevere correttamente il segnale, ci fu anche un “antenna gate“.

4G – LTE
Come per l’iPad 3, anche l’iPhone 5 dovrebbe essere dotato di un sistema per la ricezione delle reti LTE, quelle cellulari a banda larga per scaricare più velocemente i contenuti, ancora non diffuse in Italia. L’anticipazione in questo caso è del Wall Street Journal e sembra avere solide basi. Una antenna di questo tipo consuma però più batteria e forse anche per questo motivo il telefono avrà uno schermo più grande, per aumentare lo spazio e ospitare una batteria più capiente.

Batteria
Non la vediamo mai perché è ben nascosta all’interno dello smartphone, ma è ovviamente fondamentale per usare il telefono. Quella nuova sarà fatta diversamente, ma non dovrebbe portare a grandi progressi per quanto riguarda l’autonomia.

Processore
Dovrebbe essere un’evoluzione dell’attuale o una versione del tutto nuova che, manco a dirlo, renderà più veloce il telefono nell’eseguire le applicazioni e per far funzionare il sistema operativo.

Connettore
Sarà, pare, più piccolo e stretto dell’attuale, che con un ingresso così largo qualche difetto ce l’aveva, a partire dal raccogliere molta polvere. Secondo alcuni potrebbe essere simile a una mini-USB, ma Apple fino a ora ha preferito usare sistemi propri per i cavi che mettono in collegamento il telefono con i Mac o con i caricabatterie. Salteranno fuori anche nuovi adattatori, per i vecchi modelli di iPhone, iPad e iPod.

1 2 Pagina successiva »

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.