Compagni dai campi

Belle foto di un mondo molto coltivato, e di braccia consegnate all'agricoltura

«Quel vero e proprio ossimoro che è l’agroindustria» ha scritto mercoledì Michele Serra nella sua rubrica su Repubblica parlando della perdita di centralità dell’agricoltura nella cultura e nei consumi contemporanei. L’agricoltura, la coltivazione dei campi, i prodotti vegetali, sono stati protagonisti nell’ultimo mezzo secolo di una trasformazione di ruolo e identità epocali e spiazzanti, e oggi quello che una volta a scuola sembrava definito esattamente, e si usava ancora il termine “contadini”, è diventato una cosa assai più complessa, attraversata da crisi e contemporanei sviluppi impensati. È un pianeta di campi e raccolti, e ci nutriamo dei frutti della terra continuamente, eppure non ne parliamo mai, ne discutiamo poco, il nostro background culturale è fatto di altro.  Ma è un mondo coltivato.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.