• Sport
  • lunedì 6 agosto 2012

Doping, escluso Alex Schwazer

Il campione olimpico uscente della 50 km di marcia è stato trovato positivo a una sostanza dopante ed escluso dal CONI

Il Comitato olimpico italiano, il CONI, ha escluso l’atleta italiano Alex Schwazer dalle Olimpiadi per doping. Schwazer ha 27 anni, è di Vipiteno ed è il campione olimpico in carica nella 50 km di marcia: ai Giochi di Pechino, oltre a vincere la medaglia d’oro, aveva ottenuto il record olimpico marciando in 3 ore, 37 minuti e 9 secondi.

LONDRA – «Ho sbagliato io, la mia carriera è finita». Poche ore dopo le prime indiscrezioni, è lo stesso Alex Schwazer a confermare la notizia: è lui, il campione olimpico dei 50 km di marcia a Pechino, l’azzurro ad avere fallito un controllo antidoping della Wada, l’Agenzia mondiale antidoping. Schwazer è risultato positivo all’Epo in un test effettuato il 30 luglio a Oberstdorf, Germania, residenza della fidanzata Carolina Kostner.

«HO SBAGLIATO» – «Meglio che non mi chieda come sto, ho sbagliato…». Al telefono con l’agenzia Ansa, Alex Schwazer trasmette la disperazione dell’atleta che nel volgere di metà pomeriggio è passato dalla gloria sportiva alla vergogna. Infatti spiega in una dichiarazione «Volevo essere più forte per questa Olimpiade, ho sbagliato».

(continua a leggere sul sito del Corriere)

foto: FABRICE COFFRINI/AFP/Getty Images

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.