Le prime mosse di Marissa Mayer, nuovo capo di Yahoo

Modello Google: cibo gratis per i dipendenti e riunioni plenarie per discutere dei progetti dell'azienda

La settimana scorsa si è molto discusso della scelta di Yahoo di nominare come suo nuovo CEO, amministratore delegato, Marissa Mayer, a lungo dirigente di Google, 37 anni, incinta.

Nelle sue prime due settimane da presidente e amministratore delegato di Yahoo, Marissa Mayer ha deciso di investire prima di tutto sul benessere degli impiegati. Il nuovo CEO ha deciso che i lavoratori avranno un pasto gratis al giorno – per ora solo nei caffè della Silicon Valley – e ha annunciato che presto anche gli uffici saranno riorganizzati e trasformati in luoghi “più collaborativi e più cool“. La filosofia è la stessa di Google, dove fu assunta nel 1999, prima donna a entrare a far parte della società.

«Sarà anche una piccola cosa, ma i lavoratori sono felicissimi», ha detto un dipendente di Yahoo. Questo da solo non basta a per arrivare ai livelli di Google, che tra il 2007 e il 2008 è stata scelta da Forbes come l’azienda migliore del mondo per il benessere dei lavoratori (nel 2011 è scesa al quinto posto). Mense gigantesche e gratuite, parrucchiere gratuito, asilo nido e medico sempre a disposizione dei dipendenti (oltre a scivoli per passare da un piano all’altro e biliardini) fanno di Google in un bel posto dove lavorare. La ditta offre questi servizi non solo perché i lavoratori felici lavorano meglio, ma anche perché in questo modo lasceranno l’azienda meno volentieri.

(Come sono fatte le meravigliose sedi di Google)

Mayer vuole riuscire a portare un po’ di questa fedeltà anche a Yahoo. Il suo prossimo obiettivo, stando a quanto hanno raccontato alcuni dipendenti alla stampa statunitense, dovrebbe essere l’organizzazione di una riunione fissa con tutti i dipendenti, ogni venerdì pomeriggio, durante cui discutere dei progetti dell’azienda, dell’organizzazione del lavoro e in generale di come fare meglio le cose. Come si fa tradizionalmente a Google.

Mayer ha il difficile compito di risollevare le sorti di Yahoo, vittima di scelte commerciali sbagliate e problemi interni. L’ex CEO Scott Thompson è stato costretto alle dimissioni per uno scandalo legato a un falso curriculum presentato al momento dell’assunzione. Mayer è stata inserita dalla rivista Fortune nella sua classifica annuale delle 50 donne più potenti e influenti del mondo. Nello stesso anno la rivista Glamour l’ha scelta come donna dell’anno. Subito dopo la nomina la nuova CEO ha deciso di comunicare con un tweet di essere incinta.

Foto:Jemal Countess/Getty Images

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.