• Italia
  • venerdì 6 Luglio 2012

Gli ultimi 56 giorni di Borsellino: 6 luglio 1992

Dal libro di Enrico Deaglio, la cronologia degli avvenimenti tra la strage di Capaci e quella di via D'Amelio

Il nuovo libro di Enrico Deaglio – Il vile agguato (Feltrinelli) – è dedicato alle indagini sulla strage di via D’Amelio a Palermo in cui fu ucciso il magistrato Paolo Borsellino assieme a cinque agenti della sua scorta, il 19 luglio 1992. Il libro si conclude con una “succinta cronologia degli ultimi cinquantasei giorni di vita di Paolo Borsellino, compresi avvenimenti che avevano a che fare con lui, ma di cui non era a conoscenza”. Il Post pubblicherà in sequenza, assieme al secondo capitolo del libro, la successione di quegli eventi, a vent’anni di distanza.

Palermo, 6 luglio
Il neoministro dell’Interno Nicola Mancino e il capo della polizia Vincenzo Parisi sono in visita a Palermo. Parisi si reca al palazzo di giustizia per controllare le misure di sicurezza per Paolo Borsellino. Le giudica pesantemente insufficienti e ordina di porre rimedio.