• Mondo
  • lunedì 30 aprile 2012

Il nuovo grattacielo più alto di New York

Oggi sarà collocato il primo pilastro del centesimo piano dello One World Trade Center, e l'Empire State Building tornerà secondo in classifica

Tempo atmosferico permettendo, oggi pomeriggio un pilastro di acciaio sarà collocato sulla sommità dell’enorme cantiere verticale dello One World Trade Center (1 WTC), il nuovo grattacielo in fase di costruzione a Manhattan nella zona di Ground Zero dove un tempo sorgevano i palazzi del vecchio World Trade Center, distrutti o gravemente danneggiati dagli attacchi terroristici dell’11 settembre del 2001. Il pilastro di oggi sarà il primo del centesimo piano e renderà l’edificio il più alto di tutta la città con 387,4 metri, circa 6,4 metri in più dello storico Empire State Building.

La gestazione del nuovo edificio ha richiesto anni di discussioni per la definitiva approvazione dei progetti, cosa che ne ha rallentato la messa in cantiere. I lavori sono poi proceduti speditamente e a tappe forzate, cosa che ha consentito di arrivare al ritmo di un nuovo piano costruito ogni settimana. 1 WTC è affiorato tra gli altri grattacieli di Lower Manhattan, cambiando lo skyline della città. Entro due mesi la costruzione dello scheletro del grattacielo dovrebbe essere completata, con la collocazione dell’ultimo piano che si troverà a una altezza di 417 metri. Il prossimo anno sulla sommità sarà poi installata una grande antenna che porterà l’altezza complessiva del palazzo a 541, 3 metri, ovvero 1776 piedi per ricordare l’anno della dichiarazione di indipendenza degli Stati Uniti d’America.

La città di New York sta quindi per riavere un grattacielo più alto dell’Empire State Building e chiamato nello stesso modo della Torre Nord del World Trade Center, una delle due torri gemelle che furono distrutte da al Qaida quasi undici anni fa. Con la costruzione del vecchio WTC, l’altezza dell’Empire fu superata il 19 ottobre del 1970 di circa 1,2 metri con la posa di una delle strutture di acciaio che costituivano lo scheletro dell’edificio. Come spiegano sul New York Times, all’epoca la costruzione del World Trade Center fu fortemente osteggiata da proprietari di immobili e costruttori, preoccupati dalla possibilità che i due grandi grattacieli potessero rompere gli equilibri del mercato immobiliare.

Lawrence A. Wien, che tra gli anni Sessanta e Settanta era parte della holding dell’Empire State Building, comprò il 2 maggio del 1968 una intera pagina del New York Times per mettere in guardia sui pericoli costituiti dal nuovo WTC. L’annuncio comprendeva il disegno di un aeroplano di linea diretto verso l’ultimo piano del WTC. All’epoca, si riteneva che un palazzo così alto potesse costituire un pericolo per il traffico aereo, o almeno lo pensava Wien. L’accoglienza ai giorni nostri del nuovo 1 WTC da parte di chi controlla l’Empire State Building è stata più all’insegna della cortesia e dell’amicizia. La società ha diffuso un breve comunicato rivendicando di essere “l’antenato di tutti i grattacieli” e salutando il “nuovo cugino più alto nello skyline” della città.

L’Empire State Building con i suoi 381 metri rimarrà il secondo edificio più alto di New York, seguito dalla torre della Bank of America che misura 366 metri ed è stata completata nel 2008. Al terzo posto c’è un altro storico edificio della città, il Chrysler Building con 320 metri e al quarto il palazzo del New York Times, con 319 metri.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.