• Mondo
  • lunedì 26 marzo 2012

Lee saluta tutti

Le foto delle fatiche del presidente della Corea del Sud, alle prese con un fiume di politici arrivati da tutto il mondo a Seul: vediamo quanti ne riconoscete

Oggi a Seul, in Corea del Sud, è iniziato il Vertice sulla sicurezza nucleare. Al vertice partecipano rappresentanti di più di cinquanta paesi – c’è anche il presidente del Consiglio italiano, Mario Monti – e di numerose organizzazioni internazionali. L’incontro segue il primo vertice che si era tenuto a Washington nel 2010 e sarà seguito da un terzo incontro in Olanda, nel 2014. L’obiettivo è mettere al sicuro il materiale nucleare presente sul pianeta e impedire che cada nelle mani di terroristi. L’incontro, che si concluderà il 27 marzo, è il più importante evento a livello internazionale mai ospitato dalla Corea del Sud, che nel 2010 aveva organizzato il vertice del G20.

Per garantire la sicurezza dell’evento, la polizia sudcoreana ha creato una squadra di sicurezza speciale composta da circa 40 mila poliziotti con il compito di sventare eventuali attacchi terroristici o aggressioni provenienti dalla Corea del Nord. La squadra speciale venne presentata un mese fa in una cerimonia particolarmente pittoresca a cui parteciparono 1.800 spettatori, tra cui parlamentari sudcoreani, alti funzionari della polizia e ambasciatori stranieri. I lavori del vertice cominciano oggi, ma a giudicare dalle foto qui sotto si può dire con ragionevole certezza che il presidente della Corea del Sud, Lee Myung Bak, sia già stanco morto.

Le forze speciali della Corea del Sud, Le foto della tamarra cerimonia di presentazione delle nuove unità anti-terrorismo in vista del vertice internazionale di Seul

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.