• Mondo
  • sabato 10 Marzo 2012

Le foto dell’Iditarod Trail Race

L'ultima edizione della corsa di slitte trainate dai cani che attraversa l'Alaska per 1800 chilometri

Iditarod è il nome di un fiume nell’Alaska centro-occidentale e di una cittadina, oggi abbandonata, fondata durante la corsa dell’oro. Ma è anche il nome di una delle piste che attraversano l’Alaska e che sono utilizzate fin da tempi molto antichi per percorrere la regione. Ogni anno, all’inizio del mese di marzo, si svolge la Iditarod Trail Race, una competizione per slitte trainate da cani lungo un percorso di oltre 1800 chilometri, da Anchorage a Nome. L’edizione 2012 è partita lo scorso sabato 3 marzo.

Il percorso era anticamente utilizzato dalle popolazioni native degli Inupiaq e degli Athabaskan. Nell’Ottocento divenne sempre più importante come rotta per i commercianti russi e, successivamente, venne utilizzata anche dai cercatori d’oro. Oltre che per la sua lunghezza, il percorso è reso molto difficile dalle frequenti tempeste di neve che in questa stagione colpiscono la regione, portando la temperatura percepita fino ai 70 gradi sotto zero. Per questo i partecipanti sono conduttori di slitta molto esperti.

La prima edizione della competizione si svolse nel 1973, ma con il passare degli anni la corsa è diventata sempre più competitiva e seguita, tanto da attrarre importanti sponsor e partecipanti da tutto il mondo. Ogni anno centinaia di appassionati assistono alla cerimonia di partenza, organizzata a partire dal 1983 sulla 4th Avenue di Anchorage, la più grande e popolosa città dell’Alaska. La gara, a cui ogni anno partecipano circa 50 concorrenti con slitte trainate da mute di 12 cani, dura in media una decina di giorni. Il record assoluto, fatto registrare nell’edizione del 2011 da John Baker, è di 9 giorni, 19 ore, 46 minuti e 39 secondi.