• Italia
  • venerdì 10 Febbraio 2012

La storia del “professor De Tormentis”

Il Corriere della Sera su Nicola Ciocia, il poliziotto accusato di torturare i sospetti brigatisti negli anni Settanta: ne aveva parlato anche Chi l'ha visto

Fulvio Bufi sul Corriere della Sera di oggi racconta la storia col cosiddetto “professor De Tormentis”, un poliziotto accusato di avere usato regolarmente tecniche di tortura negli anni Settanta e Ottanta negli interrogatori dei brigatisti e sospetti tali. Ne ha parlato anche la trasmissione televisiva Chi l’ha visto intervistando Nicola Rao, giornalista e scrittore, senza però dire il nome del poliziotto. Bufi lo dice, lo è andato a cercare, e racconta cosa gli ha detto l’uomo.

NAPOLI — Per chi lavorava in polizia non c’era niente da scherzare negli anni a cavallo tra la fine dei Settanta e l’inizio degli Ottanta, quando le Brigate Rosse sparavano e lo Stato combatteva contro i gruppi della lotta armata la sua battaglia più difficile. E non scherzava certo l’allora vicequestore Umberto Improta — che del nucleo speciale di investigatori formato dal Viminale per indagare sulle Br fu il capo operativo — quando affibbiò a un suo collega specializzato nel condurre gli interrogatori, il soprannome di professor De Tormentis. Sapeva quello che diceva, Improta, e stando alle denunce (tutte archiviate) presentate in quegli anni da alcuni brigatisti interrogati dal professore, il soprannome sintetizzava bene i suoi metodi di lavoro.

Metodi che, per come li raccontarono i brigatisti che li subirono, e per come li conferma oggi l’ex dirigente della Digos Rino Genova nelle testimonianze rilasciate prima a Nicola Rao, autore del libro «Colpo al cuore» (Sperling & Kupfer), e poi alla trasmissione «Chi l’ha visto?», che l’altro ieri si è occupata del professor De Tormentis, hanno un solo nome: torture. Con la tecnica del waterboarding, per la precisione, e cioè la somministrazione forzata di acqua salata che provoca nella vittima la sensazione dell’annegamento e in qualche caso anche gli effetti.

Il programma condotto da Federica Sciarelli ha raccolto anche la testimonianza di Enrico Triaca — br che nel 1978 subì il trattamento della squadra guidata dal professore —. Inoltre ha preferito per ora non diffondere il nome di De Tormentis. Il Corriere sceglie invece di farlo dopo aver avuto conferma di quel soprannome dal diretto interessato.

(continua a leggere sul sito Diritti Globali)