• Mondo
  • domenica 5 Febbraio 2012

Lo sgombero di Occupy Washington DC

Le foto della rimozione di uno degli ultimi accampamenti di Occupy rimasti negli Stati Uniti

La polizia ha sgomberato oggi uno degli ultimi campi di Occupy rimasti negli Stati Uniti, a Washington DC. Almeno sette persone sono state arrestate. Lo sgombero è stato relativamente tranquillo ma un agente della polizia è stato colpito al volto da una pietra. I manifestanti si sono riuniti in assemblea promettendo di continuare le loro proteste e uno degli oratori ha condannato l’aggressione e invitato tutti alla non violenza. Le autorità hanno fatto sapere che i manifestanti possono continuare a stazionare nell’area, un parco pubblico, ma senza piantare tende e passare lì la notte: circolavano da giorni timori per le condizioni igieniche dell’accampamento. Il parco ricade sotto la giurisdizione della polizia federale e si trova poco distante dalla Casa Bianca.