• Mondo
  • lunedì 23 Gennaio 2012

Le nuove foto del Magh Mela

Proseguono le celebrazioni induiste e le immersioni nel Gange per purificarsi dai peccati

Oggi è il giorno di Mauni Amavasya, la quarta ricorrenza del Magh Mela, periodo dell’anno lungo 45 giorni durante il quale gli induisti, in date prestabilite, si immergono nelle acque del Gange (e in particolare alla confluenza tra questo e il fiume Yamuna). Il Magh Mela è una “versione ridotta” del Kumbh Mela, il pellegrinaggio induista di massa che si tiene ogni dodici anni in quattro luoghi diversi (il Purna Kumbh Mela, a Prayag, Haridwar, Ujjain, e Nashik) e ogni sei anni in due (l’Ardh Kumbh Mela, ad Haridwar e Prayag). Iniziato il 9 gennaio con il Paush Purnima, il Magh Mela andrà avanti fino al 20 febbraio. Oltre alla prima sono state tre, finora, le giornate sacre per gli intuisti.

14 gennaio: Makar Sankranti. È uno dei giorni più importanti per gli induisti, e segna il passaggio del sole in un altro segno. In alcune parti dell’India si celebra la festa facendo volare degli aquiloni colorati.

19 gennaio: Shattila Ekadashi. Una festività consacrata al dio Vishnu. “Til” significa sesamo, che viene donato ai poveri e usato durante le immersioni rituali nel Gange.

23 gennaio: Mauni Amavasya. Il giorno senza luna in cui si osserva il voto di silenzio.