• Mondo
  • lunedì 12 Dicembre 2011

De Villepin si candida alle presidenziali francesi

E rischia di togliere voti da destra a Sarkozy, che non l'ha presa per niente bene

L’ex primo ministro francese Dominique de Villepin ha annunciato che si candiderà alle prossime elezioni presidenziali, sfidando da destra l’attuale presidente Nicolas Sarkozy. Secondo i sondaggi più recenti, de Villepin dovrebbe ottenere al massimo tra l’1 e il 2 per cento dei voti, che nel primo turno potrebbero però fare la differenza nel determinare se ci sarà o meno un ballottaggio tra Sarkozy e il candidato del Partito Socialista, Francois Hollande. De Villepin è stato membro dell’UMP, il partito di Sarkozy, fino all’anno scorso: in precedenza era stato l’uomo politico più vicino a Jacques Chirac. Nadine Morano, a capo della campagna elettorale di Sarkozy, ha chiesto apertamente a de Villepin di rinunciare alle sua candidatura e sostenere invece l’attuale presidente.

De Villepin ha spiegato che sarà un candidato al di sopra dei partiti politici: «Voglio riunire tutti i francesi, quelli a destra e quelli al centro», ha detto in un’intervista al canale francese TF1. «Voglio difendere una certa idea di Francia. Oggigiorno la nostra sovranità ci sta sfuggendo di mano. Ci stiamo allineando a interessi che non sono della Francia. Penso che dobbiamo avere più coraggio». Quest’ultima dichiarazione di de Villepin – che allude abbastanza esplicitamente al recente accordo europeo – ha fatto particolarmente innervosire Sarkozy, che ha risposto così attraverso il rappresentante del suo paritto Sebastiane Huyghe: «Candidandosi a queste elezioni, de Villepin si assume il rischio di dividere la nostra famiglia politica e disperdere i voti del primo turno».

Lo scorso settembre de Villepin è stato assolto dalle accuse di «complicità in calunnia» nell’ambito del caso Clearstream, lo scandalo che a partire dal 2004 coinvolse alcuni importanti esponenti del governo francese. De Villepin era già stato assolto in primo grado dall’accusa di avere sfruttato un falso elenco di titolari di conti bancari per screditare il suo rivale politico del momento, l’attuale presidente francese Nicolas Sarkozy.Nel giugno del 2010 de Villepin aveva presentato il suo nuovo partito, République solidaire, compiendo un atteso salto di qualità nella sua guerra interna al centro destra contro l’attuale presidente francese.

Foto di PATRICK KOVARIK