• virgolette
  • Questo articolo ha più di undici anni

Bagnasco (senza citarlo) sullo stile di vita del PresdelCons

Spesso gli oppositori di Silvio Berlusconi tendono a forzare e strumentalizzare le parole di enti autorevoli (la stampa estera, l’amministrazione USA, le gerarchie ecclesiastiche) per farle suonare come esplicitamente critiche nei confronti del PresdelCons anche quando non lo sono. Ma nel caso delle cose dette lunedì dal cardinale Bagnasco, è difficile sospettare che – malgrado Berlusconi non sia stato nominato – ci si riferisse a qualcun altro.

Rattrista il deterioramento del costume e del linguaggio pubblico, nonché la reciproca, sistematica denigrazione, poiché così è il senso civico a corrompersi, complicando ogni ipotesi di rinascimento anche politico. Mortifica soprattutto dover prendere atto di comportamenti non solo contrari al pubblico decoro ma intrinsecamente tristi e vacui. Non è la prima volta che ci occorre di annotarlo: chiunque sceglie la militanza politica, deve essere consapevole «della misura e della sobrietà, della disciplina e dell’onore che comporta, come anche la nostra Costituzione ricorda» (Prolusione al Consiglio Permanente del 21-24 settembre 2009 e del 24-27 gennaio 2011). Si rincorrono, con mesta sollecitudine, racconti che, se comprovati, a livelli diversi rilevano stili di vita difficilmente compatibili con la dignità delle persone e il decoro delle istituzioni e della vita pubblica.

Bagnasco ha anche criticato gli eccessi delle indagini contro il PresdelCons e gli abusi mediatici nell’uso delle intercettazioni, ma ricordando che questo non lo solleva dalle sue gravi responsabilità.

Tornando allo scenario generale, è l’esibizione talora a colpire. Come colpisce l’ingente mole di strumenti di indagine messa in campo su questi versanti, quando altri restano disattesi e indisturbati. E colpisce la dovizia delle cronache a ciò dedicate. Nessun equivoco tuttavia può qui annidarsi. La responsabilità morale ha una gerarchia interna che si evidenzia da sé, a prescindere dalle strumentalizzazioni che pur non mancano. I comportamenti licenziosi e le relazioni improprie sono in se stessi negativi e producono un danno sociale a prescindere dalla loro notorietà. Ammorbano l’aria e appesantiscono il cammino comune. Tanto più ciò è destinato ad accadere in una società mediatizzata, in cui lo svelamento del torbido, oltre a essere compito di vigilanza, diventa contagioso ed è motore di mercato. Da una situazione abnorme se ne generano altre, e l’equilibrio generale ne risente in maniera progressiva.