• Mondo
  • mercoledì 7 Settembre 2011

L’avanzata degli incendi in Texas

Hanno incenerito almeno mille abitazioni e decine di chilometri quadrati di boschi, un video mostra l'impressionante velocità delle fiamme

Molte aree del Texas sono interessate da settimane da una forte siccità, che negli ultimi giorni ha portato a numerosi incendi di grandi dimensioni. Si stima che almeno mille abitazioni siano state distrutte dalle fiamme originate da 180 diversi incendi, che si sono diffusi rapidamente a causa dei venti molto intensi portati dalla tempesta tropicale Lee, che non ha però riversato nemmeno una goccia d’acqua sui terreni inariditi dello Stato.

Migliaia di persone sono state evacuate e 1.200 vigili del fuoco lavorano per contenere le fiamme ed evitare che gli incendi si propaghino verso i centri abitati. Altre centinaia di volontari stanno dando il loro contributo, ma i mezzi a loro disposizione sono spesso insufficienti per affrontare la vastità degli incendi. Aerei ed elicotteri lanciano acqua mista a liquidi ritardanti per ridurre le fiamme e abbassare la temperatura nelle zone più colpite. Nelle ultime ore, segnala Associated Press, i venti si sono calmati riducendo sensibilmente la velocità con cui si diffondono gli incendi.

L’area maggiormente colpita rimane quella di Bastrop, una città a cinquanta chilometri da Austin, la capitale del Texas. Più di cinquemila persone sono state evacuate dalla zona e le autorità stimano che i grandi incendi degli ultimi giorni abbiano ucciso almeno quattro persone.

A causa del vento e del terreno arido, gli incendi si muovono a una velocità impressionante, specialmente quando incontrano sulla loro strada alberi e sterpaglie. Il Texas Parks and Wildlife Department ha da poco diffuso un video che mostra l’avanzata delle fiamme nel Bastrop State Park. L’incendio di sposta di molti metri in meno di un minuto. Le guardie del parco stimano che siano rimasti solamente 0,4 chilometri quadrati di bosco non bruciati sui 24,3 chilometri quadrati che costituiscono l’area naturale.