Chi spende di più per la difesa?

Il grafico dell'Economist dei paesi che investono più denaro nelle spese militari, fino a 700 miliardi di dollari

Negli ultimi dieci anni la Cina ha aumentato di circa il 200 per cento le proprie spese militari. Per la difesa, nel 2010 si stima abbia speso almeno 119 miliardi di dollari per la gestione dell’esercito, la creazione di nuovi arsenali e per la messa a punto della propria prima portaerei, ora in fase di completamento. Non sono molti gli stati del mondo a possedere e gestire portaerei: la loro costruzione richiede molto denaro e così anche la manutenzione.

Rispetto al proprio prodotto interno lordo, la Cina spende comunque relativamente poco per la difesa, come dimostra il grafico qui a destra preparato dall’Economist. La nazione che nel 2010 ha speso più denaro, in proporzione al prodotto interno lordo, per la difesa sono gli Stati Uniti con circa 700 miliardi di dollari, pari al 4,8 per cento del PIL. Si tratta di uno Stato in guerra, del resto, e la grande spesa per le risorse militari è stata lungamente discussa negli ultimi mesi, specialmente nella difficile fase di approvazione del nuovo budget.

Con i loro 700 miliardi di dollari, gli Stati Uniti superano la spesa complessiva degli altri 17 paesi che più investono denaro nella macchina militare. Il Giappone spende circa l’uno per cento del PIL per la difesa, il Canada 1,5 per cento e l’Italia 1,8 per cento, poco più del Brasile fermo a 1,6 per cento. La Corea del Sud spende il 2,8 per cento, principalmente per essere sempre pronta nel caso di attacchi od operazioni militari da parte della Corea del Nord, una cifra vicina al 2,7 per cento speso nel 2010 dall’India. La Russia, l’ex grande potenza insieme agli Stati Uniti, spende il 4 per cento. Poi c’è il dato dell’Arabia Saudita (10,4 per cento), fuori scala perché comprende anche la spesa per l’ordine pubblico.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.