• Mondo
  • lunedì 2 Maggio 2011

«Osama bin Laden è morto»

Ucciso dagli americani in Pakistan e gettato nel Mar Arabico, il test del DNA ha confermato la sua identità

di Elena Favilli

Ricapitoliamo. Il leader di Al Qaida, Osama bin Laden, è stato ucciso questa notte in Pakistan durante un raid condotto dal reparto delle forze speciali americane US Navy Seals. Bin Laden si trovava all’interno di una grande residenza fortificata su tre piani in uno dei quartieri più ricchi di Abbottabad, circa sessanta chilometri a nord della capitale Islamabad. L’assalto è durato in tutto circa quaranta minuti: bin Laden è morto durante lo scontro a fuoco per un colpo di pistola alla testa. Il suo corpo è stato sepolto poche ore dopo in mare, in una località imprecisata. La notizia della morte di bin Laden è stata data dal presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, intorno alla mezzanotte di ieri sera, quando in Italia erano le sei di mattina. L’operazione è stata condotta unicamente dagli Stati Uniti. Migliaia di persone hanno festeggiato per tutta la notte per le strade di New York e in molte altre città americane.

— —– —

18.44: La morte di Osama bin Laden vista dai quotidiani statunitensi.

18.40: Un funzionario del Pentagono ha rivelato che durante il raid ad Abbottabad, una donna si sarebbe rivolta verso Osama bin Laden chiamandolo per nome, una ulteriore conferma della sua identità. La donna era probabilmente una delle compagne del leader di Al Qaida.

18.34: Il corpo di Osama bin Laden è stato gettato nelle acque del Mar Arabico, a nord, dopo una breve cerimonia secondo la tradizione islamica effettuata a bordo della portaerei Carl Vinson, scrive Associated Press. Perché bin Laden è stato seppellito così in fretta.

18.27: Ad Abbottabad, il commando che ha condotto l’operazione che ha portato all’uccisione di Osama bin Laden ha raccolto documenti e materiali che saranno analizzati nelle prossime ore dalle autorità degli Stati Uniti.

18.22: Secondo gli agenti dell’intelligence statunitense, i servizi segreti pakistani non erano al corrente della presenza di bin Laden ad Abbottabad. Nei prossimi giorni, dicono gli analisti, il Pakistan dovrà comunque rispondere ad alcune domande sulla vicenda e su come sia stato possibile che per così tanto tempo il leader di Al Qaida sia vissuto ad appena un’ora d’auto da Islamabad, la capitale del paese.

18.17: Nel sud ovest del Pakistan, nella città di Quetta, centinaia di sostenitori di bin Laden sono scesi in piazza bruciando bandiere degli Stati Uniti e gridando «Morte all’America», riferisce l’agenzia di stampa AFP.

18.11: «È un bel giorno per l’America. Il mondo è più sicuro. È un posto migliore.» ha aggiunto Obama.

18.08: Obama sta parlando dalla Casa Bianca nel corso di una cerimonia per la consegna delle medaglie al valore a due soldati morti nel corso della Guerra di Corea. «Gli obiettivi raggiunti oggi ci dimostrano che possiamo raggiungere qualsiasi obiettivo, come nazione» ha detto il presidente.

17.55: Il New York Times ha in apertura una foto satellitare, tratta da Google Earth, del nascondiglio di bin Laden ad Abbottabad in Pakistan. Ne sono circolate diverse nel corso della giornata e inizialmente non era chiaro se il punto indicato da qualche utente su Google Maps fosse corretto o meno.

17.41: Sul Guardian spiegano che nelle ultime ore le autorità statunitensi si sono date da fare per portare il maggior numero possibile di prove sull’effettiva uccisione di bin Laden. L’intento è quello di lasciare in sospeso il meno possibile, così da ridurre gli spazi per i complottisti. Due consiglieri di Obama hanno confermato che il test del DNA ha dato un esito che al 99,9% certifica che l’uomo ucciso ieri era effettivamente bin Laden. Nel corso degli anni gli Stati Uniti hanno raccolto diversi campioni di DNA da altri membri della famiglia del terrorista, così da poter fare il confronto. Oltre al test del DNA, nelle prime ore dopo l’operazione è stato anche condotto un test del riconoscimento facciale che ha dato esito positivo.

17.29: Per Ban Ki-moon, segretario generale delle Nazioni Unite, l’uccisione di Osama bin Laden segna un importante spartiacque nella lotta contro il terrorismo.

17.27: Altre conferme sull’esito positivo del test del DNA arrivano da Reuters, che ha consultato alcuni funzionari statunitensi per avere ulteriori dettagli.

17.20: Secondo ABC News, la Casa Bianca starebbe valutando l’opportunità di pubblicare alcune fotografie del corpo di bin Laden per dimostrare la sua uccisione. «Non c’è dubbio che sia lui» ha dichiarato un funzionario della Casa Bianca dopo aver visto le foto. I dubbi sulla pubblicazione sono dovuti alle immagini molto esplicite: la testa di bin Laden ha una ferita profonda in prossimità dell’occhio sinistro dovuta al colpo di un proiettile.

16,45: L’FBI ha aggiornato la sua lista di “Most Wanted”: Osama bin Laden ora risulta «deceduto».

16,40: Il test del DNA ha confermato che l’uomo ucciso questa notte ad Abbottabad è Osama bin Laden.

16,24: La storia dell’indagine che ha permesso agli Stati Uniti di trovare il leader di Al Qaida.

16,32: L’ex presidente del Pakistan, Pervez Musharraf, ha detto che l’intervento degli Stati Uniti è stato una «violazione del territorio pakistano».

16,23: Mike Allen, su Politico, aggiunge ulteriori dettagli al percorso che ha portato Obama alla decisione di autorizzare il raid di questa notte. Obama aveva respinto l’ipotesi di intervenire con un bombardamento un mese fa, perché voleva avere una prova fisica della morte di Bin Laden e non voleva rimanere soltanto con «un cumulo di macerie in mano». Il raid era stato inzialmente previsto per sabato, ma è stato posticipato per le condizioni del tempo.

1 2 3 4 5 6 7 Pagina successiva »