• Mondo
  • domenica 3 aprile 2011

Netanyahu vuole che l’ONU annulli il rapporto Goldstone

Accusava Israele di avere deliberatamente ucciso civili palestinesi nella guerra di Gaza del 2008-2009

Il giudice Goldstone ha scritto sul Washington Post che oggi la sua relazione sarebbe stata molto diversa

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha annunciato oggi che lancerà una campagna internazionale per convincere l’ONU ad annullare il «rapporto Goldstone», che accusava Israele di avere deliberatamente ucciso civili palestinesi nella guerra di Gaza del 2008-2009.

Netanyahu ha detto di aver intrapreso l’iniziativa dopo che il giudice Richard Goldstone, autore del rapporto, ha scritto sul Washington Post che con il senno di poi la sua relazione sarebbe stata molto diversa. «Se avessimo saputo quello che sappiamo oggi sulla guerra di Gaza», ha scritto ieri il giudice «quel rapporto sarebbe stato molto diverso».

Il rapporto sosteneva che sia Hamas sia Israele avevano commesso crimini di guerra in quel periodo, uccidendo intenzionalmente civili della parte avversa. Durante quei tre mesi di guerra nella Striscia di Gaza furono uccisi circa 1.400 palestinesi, tra cui centinaia di civili, e tredici israeliani. «Ci sono pochi casi in cui false accuse vengono ritirate», ha commentato Netanyahu «questo è uno di quelli».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.