• Sport
  • giovedì 24 Febbraio 2011

Le partite di ieri in Champions League

Il Bayern Monaco si prende una piccola rivincita sull'Inter

Con le partite di ieri si chiude l’andata degli ottavi di finale di Champions League e possiamo dire che salvo qualche eccezione si è trattata di una discreta noia: pochi gol, poco spettacolo, poca roba. Promette meglio l’Europa League, soprattutto con la partita di stasera tra Villarreal e Napoli, due tra le più belle e divertenti squadre d’Europa in questa stagione. Parentesi sul campionato, prima di passare alla Champions: ieri si è giocato il recupero di Serie A tra Bologna e Roma. Hanno vinto questi ultimi con un gol di De Rossi, nella partita di esordio di Vincenzo Montella da allenatore.

Inter – Bayern Monaco 0-1
Il Bayern si prende la rivincita della finale di Champions e batte l’Inter, ma senza una prestazione paragonabile a quella che l’Inter di Mourinho offrì nella finale della scorsa stagione. I tedeschi giocano bene, hanno un attacco spettacolare, ma l’Inter è pienamente in partita e il giovane portiere Kraft fa vedere perché Van Gaal gli ha dato il posto di titolare. Un altro giovane fa vedere un sacco di buone cose, il difensore dell’Inter Ranocchia, che esordisce in Champions League col piglio di uno che ha cinquanta presenze: poi si fa male al ginocchio ed è un gran peccato, rischia di saltare il resto della stagione. Quando sembra sicuro che la partita finisca sullo zero a zero, un pastrocchio di Julio Cesar mette sui piedi di Gomez, invisibile fino a quel momento, la palla dell’uno a zero per il Bayern. È un peccato, ma come l’anno scorso i tedeschi sono tutt’altro che imbattibili.

Olympique Marsiglia – Manchester United 0-0
Ok, il Marsiglia in casa è una bestiaccia. Il Manchester United non prova nemmeno a stanarla: si mette lì, prende in mano la partita e la addormenta. Ogni tanto prova a piazzare qualche insidia ma così, giusto per tentare di annoiarsi meno. Anche perché la qualificazione per gli inglesi sembra tutt’altro che proibitiva: all’Old Trafford basterà un Manchester normale per sbranare i francesi. Ieri è stata una sgambatura.

foto: OLIVIER MORIN/AFP/Getty Images