• Mondo
  • giovedì 27 gennaio 2011

Anche lo Yemen vuole la rivoluzione

I manifestanti chiedono un nuovo governo e dicono di essersi ispirati a quello che è successo in Tunisia

Il presidente Ali Abdullah Saleh è al potere dal 1978, è stato rieletto l'ultima volta nel 2006

Migliaia di persone stanno protestando per le strade di Sana’a, la capitale dello Yemen, contro il governo di Ali Abdullah Saleh, presidente del paese da oltre trent’anni. Secondo le prime testimonianze i manifestanti chiedono un nuovo governo e nei loro canti citano spesso i recenti episodi della Tunisia. La popolazione protesta contro la crescente povertà e contro la corruzione e la censura del governo.

Lo scorso weekend le autorità yemenite avevano arrestato una delle più influenti attiviste politiche, Tawakul Karman, accusata di propaganda contro il governo. Dopo la sua scarcerazione, avvenuta lunedì, Karman ha detto alla CNN che quello che stava accadendo nel suo paese era stato ispirato direttamente dalla rivolta che in Tunisia ha portato alla caduta del governo di Ben Ali. Saleh è al potere dal 1978. Fu prima eletto presidente dello Yemen del Nord e fu poi confermato alla guida della nuova Repubblica dello Yemen, quando nord e sud si unirono nel 1990. È stato rieletto l’ultima volta nel 2006.

Hani Mohammed/AP

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.