• Mondo
  • domenica 23 gennaio 2011

I “Palestine papers”

Guardian e Al Jazeera rivelano centinaia di documenti riservati sul conflitto e le trattative tra israeliani e palestinesi

Alle 21 di domenica sera, simultaneamente, i siti di Al Jazeera e del Guardian hanno pubblicato articoli e notizie su un nuovo lotto di documenti riservati, riguardanti il conflitto israelo-palestinese e presentati sotto il titolo “The Palestine papers”. Quasi 1700 documenti, migliaia di pagine di rapporti diplomatici sulle tensioni tra israeliani e palestinesi, risalenti al periodo tra il 1999 e il 2010. Tra le rivelazioni contenute nei documenti, il Guardian cita soprattutto:

– la quantità di concessioni informali offerte dai negoziatori palestinesi, persino sulla sensibilissima questione del rientro dei profughi
– la richiesta dei leader israeliani di trasferire cittadini arabi in un nuovo stato palestinese
– la cooperazione tra Israele e l’Autorità Palestinese in molte operazioni segrete
– Il ruolo centrale dell’intelligence britannica nel costruire un piano segreto per abbattere Hamas nei territori palestinesi
– come i leader dell’Autorità Palestinese siano stati informati privatamente della guerra di Gaza del 2008-2009
– la disponibilità dell’Autorità Palestinese a concedere nuovi insediamenti israeliani a Gerusalemme Est

Nessuno dei due siti di news indica le fonti da cui ha ottenuto i documenti, motivandolo con la loro delicatezza. Non si fanno riferimenti a Wikileaks. I documenti sono stati ricevuti da Al Jazeera, che li ha poi condivisi col Guardian.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.