• Italia
  • domenica 28 Novembre 2010

Generazione Italia sfiducia Berlusconi (per scherzo)

Sul sito di Italo Bocchino una lettera al PresdelCons "considera conclusa negativamente l'esperienza di questo Governo": ma l'aveva scritta Bossi nel 1994

Aggiornamento delle 18,40: la lettera pubblicata sul sito di Generazione Italia era una specie di burla, per quanto sostanzialmente efficace. Tutti quei punti esclamativi dovevano in effetti indurre in sospetto: si trattava del messaggio di sfiducia di Bossi a Berlusconi del 1994.

*****

Un’altra goccia cinese cade domenica pomeriggio sullo sfinito ma tenace capo di Silvio Berlusconi dal fonte finiano. Sul sito di Generazione Italia una lettera dichiara “conclusa negativamente l’esperienza di questo Governo”: formula piuttosto definitiva – e lettera ricca di sonanti punti esclamativi – ma buona solo a riempire il periodo vuoto da qui al 14 dicembre, che pare politicamente e giornalisticamente lunghissimo. In ogni caso, ecco il testo.

On. Presidente,
Generazione Italia considera conclusa negativamente l’esperienza di questo Governo che, come fosse un suo feudo personale, ha presieduto.
I patti richiedevano l’immediata approvazione di una legge antitrust che eliminasse il monopolio di Mediaset e che favorisse il rinnovo strutturale della Rai restituendo ai media la loro libertà e democratica funzione per informare imparzialmente ed obiettivamente l’opinione pubblica.
I patti richiedevano la netta separazione tra gli interessi personali dal Capo del Governo e la sua funzione di altissimo Pubblico Ufficiale.
Lei in campagna elettorale ha promesso di risolvere il secolare problema meridionale, di garantire la pace sociale, di sostenere la piccola e media impresa, di eliminare la partitocrazia e lo Stato padrone; di fare dell’Italia un grande paese ad ispirazione liberal-democratica.
Il suo Governo ha inteso la governabilità come fine a se stessa, il potere per il potere, la governabilità per la governabilità, un Governo non intenzionato ai cambiamenti, un Governo dei conflitti con la magistratura e con il sindacato, un governo del controllo dell’informazione!
Nella nostra alleanza c’è chi ci accusa addirittura di sovvertire lo Stato di diritto perché chiediamo una verifica, falsificando la verità e dichiarando che questo Governo non sarebbe il frutto, come nel passato, di una contrattazione post elettorale, bensì, sarebbe la conseguenza di un patto preventivo stipulato davanti agli elettori!
E quindi solo a Berlusconi, se è vera la premessa, competerebbe concedere la verifica e implicitamente mantenere o sciogliere le Camere.
E’ una tesi che lede i poteri costituzionali del Presidente della Repubblica e lascia trasparire il ritorno nella politica di dogmi antiliberali!
Onorevole Presidente, lo Stato non è lei! E dopo di lei non c’è il diluvio! Le chiedo con quali diritti Lei batta i pugni sul tavolo dichiarando la sua insostituibilità? Con quali diritti Lei pretenda di interpretare personalmente la Costituzione tuttora in atto? Onorevole Presidente, Lei non è l’uomo della provvidenza, tutt’altro!
L’Italia è una Repubblica democratica, in cui il Parlamento elegge e fa cadere i Governi, valutando i meriti e i demeriti di chi presiede o fa parte del Governo: il tradimento è solo quello di chi, ad un Paese disperatamente alla ricerca di un patto costituente, contrappone voglia di potere e minacce di tumulti di piazza!