• Mondo
  • martedì 9 novembre 2010

Si riunisce il congresso di Cuba, dopo tredici anni

Si terrà ad aprile, e verranno prese importanti decisioni per modificare il modello economico del paese

Nonostante Raùl Castro non ne abbia fatto menzione, è possibile che si discuta anche del futuro di Fidel

Il presidente Raùl Castro ha annunciato che il prossimo aprile il Partito Comunista cubano si riunirà in congresso, il sesto della sua storia, un evento che non accadeva dal 1997. Il congresso dovrebbe tenersi ogni cinque anni, ma a causa del cambio alla presidenza e della crisi economica è stato più volte rinviato.

Storicamente, il congresso cubano è sempre stata occasione per discussioni e cambiamenti importanti, e Associated Press non esclude che uno temi trattati potrà essere il futuro dell’ex presidente Fidel Castro, fratello dell’attuale presidente, ancora in carica come Segretario del partito. Nel suo discorso Raùl Castro — diventato presidente prima temporaneamente nel 2006, poi stabilmente nel 2008 — non ha però menzionato questo argomento, limitandosi a dichiarare che in congresso verrà discussa una nuova politica economica per lo stato cubano. Lo scorso settembre Cuba aveva già annunciato un’apertura alle imprese private e il taglio di mezzo milione di lavoratori statali.

Il sesto congresso del partito «prenderà decisioni fondamentali su come modernizzare il modello economico di Cuba prendendo nuove strade in economia e nelle politiche sociale del partito e della rivoluzione» ha detto Raùl Castro dopo un meeting con il presidente venezuelano Hugo Chavez.

Castro ha anche detto che, nei mesi che precederanno il congresso, verrà portata avanti una discussione pubblica «che sarà basata su questioni sociali e politiche» contenute in un documento che verrà diffuso oggi.

– Puntate precedenti: tutti gli articoli del Post su Cuba

Mostra commenti ( )