• Mondo
  • venerdì 24 Settembre 2010

Cuba apre all’impresa privata

Pubblicate le linee guida dell'iniziativa socio-economica: 178 professioni saranno incentivate

Malgrado formalmente l’imprenditoria privata a Cuba non sia vietata, i lavoratori in proprio sono solo 143 mila su una forza lavoro di oltre cinque milioni: non vengono concesse licenze da anni e il settore pubblico monopolizza le iniziative imprenditoriali. Ma le insostenibili difficoltà economiche del modello cubano hanno indotto il governo ad annunciare, dieci giorni fa, nuove inedite aperture nei confronti del settore privato.

Oggi sono state pubblicate le linee guida di quel progetto, riferisce la CNN. Riguardano 178 professioni in cui saranno incentivate le nuove imprese e anche l’assunzione di dipendenti e accesso al credito. Le nuove iniziative private dovrebbero compensare i tagli nel settore pubblico, che dovrebbe eliminare 500 mila occupati nei prossimi sei mesi e lasciare nuovi spazi al settore privato. Lo stipendio statale medio è di 20 dollari. Nuovi dettagli sul progetto dovrebbero essere diffusi a breve, dice la CNN.