• Mondo
  • giovedì 4 Novembre 2010

La carta igienica senza tubo

Un'azienda americana ha creato un tipo di carta igienica senza cilindro di cartone in mezzo, per ridurre l'impatto ambientale

Kimberly-Clark è una multinazionale leader nel mercato della carta: suoi gli Scottex, i Kleenex, gli Huggies

Kimberly-Clark, l’azienda leader mondiale nel settore della carta (suoi i prodotti Scottex, i fazzoletti Kleenex, la carta igienica Cottonelle, i pannolini Huggies), ha progettato un nuovo tipo di carta igienica senza il cilindro di cartone in mezzo.

Da anni l’industria della carta igienica sta cercando senza successo innovazioni sostanziali e, se la notizia vi dovesse sembrare comunque ridicola, considerate che eliminando il tubo di cartone l’azienda conta di evitare lo spreco annuale di 72 milioni di chilogrammi di carta solo negli Stati Uniti. Attualmente i cilindri di cartone che ogni anno finiscono nella spazzatura degli americani, se sistemati in fila, possono coprire due viaggi andata e ritorno dalla Terra alla Luna. I gruppi ambientalisti hanno accolto bene la novità.

«È un esempio positivo di come le aziende stiano cercando modi creativi per ridurre l’impatto ambientale» ha detto Darby Hoover del Consiglio in Difesa delle Risorse Naturali.

Il prodotto è in commercio negli stati americani del nord-est da lunedì e in un’intervista a USA Today uno dei direttori dell’azienda, Doug Daniels, non ha voluto spiegare i dettagli del processo con cui il tubo è stato eliminato, limitandosi a dire che si tratta di uno «speciale processo di avvolgimento». Questo, scrive Fast Company, è solo l’ultimo tentativo della Kimberly-Clark di venire incontro alle critiche mosse dai suoi detrattori ambientalisti. Per fermare la deforestazione l’anno scorso l’azienda ha deciso di iniziare a usare fibre di legno ricavate al 100 per cento da risorse sostenibili.

Il nuovo modello di carta igienica, a differenza di quello già in commercio, non sarà costituito di carta riciclata. Ma, spiega l’azienda, è solo una condizione temporanea: se ai consumatori piacerà l’idea di non trovare il cilindro di cartone in fondo al rotolo, in futuro anche la nuova carta sarà riciclata.
https://www.youtube.com/watch?v=HL9ya0D83DU