• Mondo
  • giovedì 28 Ottobre 2010

Mentre dormivamo

Cosa è successo stanotte nella parte sveglia del mondo

Non una notte felice: stragi, catastrofi, un presidente è morto, ma qualcuno torna a casa dall'ospedale

1. Un’altra strage in Messico. Quindici persone sono state uccise in un autolavaggio nella città di Tepic, sulla costa del Pacifico, dove le gang dei narcotrafficanti spadroneggiano. Un commando è arrivato su tre automobili e ha aperto il fuoco: molti dei lavoratori erano ex tossicodipendenti. Un altro omicidio era avvenuto qualche giorno fa in un diverso autolavaggio della stessa proprietà.

2. Sono saliti a 340 i morti della doppia catastrofe – lo tsunami conseguente al terremoto e l’eruzione del Vulcano Merapi – che ha colpito tre giorni fa l’Indonesia.

3. L’ex capo della Hewlett-Packard Carly Fiorina, candidata per i repubblicani al Senato in California, è stata dimessa dall’ospedale dove era stata ricoverata per un’infezione successiva a un’operazione chirurgica successiva a un intervento per un cancro al seno. Il suo staff ha annunciato che continuerà la campagna elettorale.

3. Nell’allagamento di una miniera nella Cina sudoccidentale sono morti dodici minatori

4. Alcune migliaia di persone si sono presentate spontaneamente nella Plaza de Mayo in ricordo dell’ex presidente argentino Nestor Kirchner morto ieri per un infarto. Kirchner era marito e principale alleato e consigliere dell’attuale presidente Cristina Kirchner, e si era anche parlato di una sua futura ricandidatura. La salma sarà esposta oggi alla Casa Rosada, il palazzo del governo.